Questo film è un’allegoria che parla delle persone goffe. Avendo incontrato gente egocentrica, sono diventata malinconica. Sono stata fagocitata dalle onde che io stessa ho creato. So che la vita non è soltanto brutta… Ma chi sono ‘io’? Cosa sono ‘io’?”. Presenta così la sua animazione Saori Suzuki, giovane artista giapponese che ha realizzato nel 2017 Cogito Wonderland come progetto di laurea alla Tokyo University of the Arts. Dopo aver girato numerosi festival e aver ottenuto molteplici riconoscimenti, il video è ora online su Vimeo, dove è possibile vederlo in versione integrale. Lo stile scelto, poetico e surreale, mette in scena con successo le difficoltà psicologiche che si affrontano quando ci si sente goffi, sbagliati, fuori posto e inadeguati.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.