Italia Moderna 1945 – 1975. Dalla Ricostruzione alla Contestazione, a cura di Marco Meneguzzo, è la prima tappa di un progetto espositivo in due parti prodotto dalla Fondazione Pistoia Musei. La mostra, allestita negli spazi di Palazzo Buontalenti, una delle quattro sedi che costituiscono il nuovo sistema museale cittadino affidato alla Direzione Scientifica di Philip Rylands, è suddivisa in due parti, accomunate dal medesimo intento storico critico. Le macerie e la speranza, visibile dal 18 aprile al 25 agosto 2019 e Il benessere e la crisi, dal 13 settembre al 17 novembre, presentano complessivamente oltre centocinquanta opere, tutte selezionate dalle collezioni di Intesa Sanpaolo.
La rassegna punta a mostrare il complesso tessuto artistico italiano in uno dei periodi di trasformazione del Paese tra i più fecondi. La “Ricostruzione” e la “Contestazione” non sono infatti solo due poli cronologici entro cui si dipana l’idea della Modernità, declinata alla maniera italiana, ma sono due indicazioni culturali e mostrano già un arco di sviluppo di idee e di costumi che hanno portato l’Italia alla ribalta internazionale, sia come economia che come cultura.
Il contesto dell’arte italiana tra il ’45 e gli anni ’70”, spiega il curatore, “accompagna l’evoluzione del Paese e spesso la anticipa: questa rassegna vuole mostrare proprio il fermento, il brodo di coltura entro cui si è sviluppata una nuova grande stagione dell’arte italiana, ormai riconosciuta anche internazionalmente”.

www.fondazionepistoiamusei.it

Evento correlato
Nome eventoItalia Moderna 1945–1975. Dalla Ricostruzione alla Contestazione
Vernissage17/04/2019 ore 18 su invito
Duratadal 17/04/2019 al 17/05/2019
CuratoreMarco Meneguzzo
Generearte moderna
Spazio espositivoFONDAZIONE PISTOIA MUSEI - PALAZZO BUONTALENTI
IndirizzoPiazza Duomo - Pistoia - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.

LEAVE A REPLY