Non ho mai pensato alla pittura come a qualcosa di catartico, ma sicuramente si tratta di una modalità per processare le cose”, spiega Cecily Brown (1969) durante questa video-intervista. La pittrice inglese, che ha in corso fino al 10 marzo una vasta mostra personale al Louisiana Museum of Modern Art di Copenhagen, si racconta ai microfoni di Marc-Christoph Wagner commentando una delle opere più grandi presenti nel museo: il trittico Where, When, How Often and with Whom (2017). L’immagine centrale dell’opera, che come spesso accade nei quadri della Brown, è pericolosamente in bilico tra figurativo e astratto, prende ispirazione da una fotografia apparsa nei quotidiani di tutto il mondo nel 2016. Il fatto di cronaca a cui si riferisce è quello di una donna di religione islamica che viene esortata a rimuovere il suo burkini da quattro poliziotti sulla spiaggia di Nizza. Commenta l’artista: “è un’immagine molto violenta, che parla in maniera eloquente dei tempi in cui viviamo”.

Dati correlati
AutoreCecily Brown
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.