Where is The Boys and Kifer? è il terzo album di The Boys and Kifer. L’album si struttura come un insieme di collaborazioni tra la band e autori della scena artistica e musicale che si muove tra Milano e Torino (Alessandro Di Pietro, Death In Plains, Bellagio Bellagio – Matteo Nobile & Natália Trejbalová -, Sara Davide, Roberto Casti, Alessandro Moroni, Enrico Boccioletti e Ramona Ponzini). Il risultato è un ibrido di diverse personalità che alternano composizioni a più mani pensate per essere performate in un live caotico, dove l’elemento visivo convive con quello musicale.
Il live dell’album, presentato per la prima volta da Marsèlleria lo scorso 14 novembre, ibrida e affievolisce le distinzioni tra generi – visivo e sonoro – ponendosi in bilico tra live musicale e performance artistica che combina suono, voce e parola traendo forza dalla potenza del linguaggio. Dentro e dietro la regia di The Boys and Kifer c’è Roberto Casti. O meglio, la band è il suo alter ego, la sua forma in divenire di una ricerca che esplora le relazioni tra singolo e gruppo, tra individualità e collettività, tra anonimato e notorietà, tra imitazione e mimetismo. Attraverso l’uso di linguaggi cross disciplinari, che spaziano dell’estetica visiva a quella sonora e performativa, Casti mette in discussione il significato di autorialità nel sistema artistico contemporaneo e usa la finzione come medium di espressione.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.