Prima progettista spagnola a ricevere l’incarico di un’opera pubblica costruita su suolo australiano, Carme Pinós ha presentato nei giorni scorsi il padiglione promosso dalla Naomi Milgrom Foundation. A pochi giorni dalla chiusura del Serpentine Pavilion di Frida Escobedo, a Londra, l’omologo australiano – ormai giunto alla quinta edizione – si appresta a raccoglierne simbolicamente il testimone, per ospitare una pluralità di iniziative pubbliche – tra cui i format Mtalks, Mmeets, Mmusic, Mkids – per i prossimi quattro mesi.
Alla guida dell’Estudio Carme Pinós dal 1991, la progettista ha accettato l’invito dopo Rem Koolhaas e David Gianotten di OMA, Bijoy Jain di Studio Mumbai, Amanda Levete di AL_A e Sean Godsell. Mossa dal desiderio di dare vita a uno “spazio per la popolazione di Melbourne”, Pinós ha previsto una copertura frutto dell’unione tra due “schermi” dalle forme aguzze, a loro volta formati da sottili listelli lignei e da profili perimetrali in acciaio. Le stesse finiture sono state impiegate lateralmente; all’intero del padiglione, a integrazione delle sedute fisse, verranno utilizzati gli sgabelli sviluppati per l’occasione dalla progettista, basati sull’incastro tra un sedile rotondo e supporti verticali.

– Valentina Silvestrini

www.mpavilion.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.