Whaam! è un grande dipinto in due parti realizzato da Roy Lichtenstein, uno dei padri della Pop Art, nel 1963. L’opera, una delle più amate dai visitatori del museo che la conserva, la Tate di Londra, è in esposizione nelle sale sin dal giorno della sua acquisizione, nel lontano 1966. In cinquant’anni, i conservatori dell’istituzione britannica hanno più volte provato a pulire il dipinto, con l’obiettivo di restituirgli la colorazione originale, ma con scarso successo. L’opera infatti, a causa dei pigmenti e delle tecniche utilizzate, si è dimostrata estremamente delicata e difficile da trattare.
In questo video, pubblicato sul canale Youtube del museo, i restauratori raccontano però di un successo recente, ottenuto dopo numerose e complesse ricerche. Finalmente, grazie a un nuovo tipo di pulizia al gel, tecnica che si basa principalmente sulle recenti scoperte della nanotecnologia, il team del museo è riuscito a rimuovere la patina di sporcizia senza danneggiare in alcun modo la tela. Questo particolare materiale, un idrogel chimico che non lascia residui sulle superfici trattate, è stato messo a punto dal Consorzio Interuniversitario italiano CSGI Florence.

Dati correlati
AutoreRoy Lichtenstein
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell'arte, curatrice e docente. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba. Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. La sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e nuove tecnologie, con particolare attenzione alle culture del web. Nel 2001 ha fondato Random Magazine, uno dei primi magazine online dedicati alla Net Art, ed è tra i membri fondatori delle riviste d’arte contemporanea Exibart e Artribune. Ha curato numerose mostre in musei e gallerie, tra cui “Netizens”, “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati”, “Maps and Legends. When Photography Met the Web”, “Eternal September” e “Stop an Go. The Art of Animated Gifs”. È stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” e ha lavorato come docente per numerose istituzioni pubbliche e private (Università di Roma La Sapienza, LUISS, Istituto Europeo di Design, Fondazione Moderna Arti Visive).