Per la prima (oppure ormai seconda?) potenza del mondo è un periodo di forti turbolenze. Soprattutto per quel che riguarda le principali questioni sociali e politiche. L’attuale presidente e la sua first lady, che donano un’accezione non scontata al termine celebrity, le sparatorie all’interno dei campus scolastici e le affermazioni oltraggiose rivolte quotidianamente a destra e a sinistra delle icone della cultura pop. Nel suo ultimo video This is America l’attore e musicista Childish Gambino (a.k.a. Donald Glover) rappa non dimenticando niente, tanto meno la sua provenienza black: “Don’t catch you slippin now” (Mai abbassare la guardia) ripete all’infinito. Tutto perfettamente coreografato, tutto apparentemente sotto controllo, grazie alla sapiente regia del giapponese Hiro Murai, suo inseparabile compagno di avventure.

– Aldo Premoli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Aldo Premoli
Milanese di nascita, vive a Noto e Cernobbio. E poi New York, dove lavorano i suoi figli. Tra il 1989 e il 2000 dirige “L’Uomo Vogue”. Nel 2001 fonda Apstudio e fornisce consulenze ad aziende e associazioni industriali italiane e straniere. Ha tenuto conferenze in tre continenti per Ice, Anci e Aimpes e curato esposizioni che fanno da ponte tra arte e moda. Tra il 2013 e 2014 dirige “Tar magazine”, rivista di arte, scienza ed etica. Attualmente è blogger di “Huffington Post”, columnist de “Linkiesta” e direttore della piattaforma hyper local "SudStyle". Curatore indipendente di mostre che fanno da ponte tra arte e scienza. In Sicilia ha fondato “Mediterraneo Sicilia Europa onlus”, in Lombardia “La Cernobbina Art Studio”. Svolge attività di visiting professor per accademie del nord come del sud della Penisola.