Alexander Mordvintsev è un ingegnere informatico russo che lavora per Google. Il suo nome è salito agli onori della cronaca un paio d’anni fa, quando è stato rilasciato Deep Dream, un software di intelligenza artificiale basato sulle reti neurali in grado di individuare forme all’interno delle immagini e replicarle, dando vita a una serie di visioni che sembrano prodotte da un’allucinazione psichedelica. In questo video, pubblicato su Nips4Creativity, un sito che riunisce tutti gli esprimenti di arte, musica e design realizzati usando algoritmi di machine learning, Mordvintsev ha generato uno zoom infinito attraverso decine di capolavori della storia della pittura, da van Gogh a Cézanne, da Monet a Gauguin, creando una specie di storia dell’arte frattale.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.