Un cortometraggio animato che arriva dritto al cuore. Coda, diretto dall’irlandese Alan Holly e realizzato insieme al team dello studio And Maps And Plans, è una piccola storia che parla di vita, di morte, di emozioni, ma soprattutto di come ognuno di noi decide di utilizzare il tempo a propria disposizione.
Pluripremiato e persino candidato all’Oscar nel 2015, il film inizia con la morte accidentale di un uomo fuori da un locale notturno. Ubriaco, il protagonista viene falciato da una macchina in corsa, trovandosi improvvisamente nella condizione di inquieto (e ancora brillo) fantasma. Da qui in poi, la storia assume toni lirici e surreali, trasportando lo spettatore in un toccante viaggio filosofico sul senso dell’esistenza. Molto particolare anche l’uso del colore, che gioca un ruolo molto importante, come sottolineato anche dall’autore in un’intervista pubblicata sul sito Skwigly: “Il colore è fondamentale per settare il mood e per comunicare determinate sensazioni. L’elemento cromatico ci influenza in un modo molto sottile e allo stesso tempo ci dona moltissimo piacere”.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.