Maurizio Cattelan (Padova, 1960) è un artista che divide, da sempre. C’è chi pensa sia un genio, chi lo considera un bluff, chi addirittura si indigna per il suo successo, descrivendolo come un personaggio dannoso per l’arte italiana e mondiale. Ma Cattelan ha sempre giocato abilmente con queste contraddizioni, lavorando al confine tra la genialità e il colpo di fortuna, atteggiandosi ad artista del fallimento, alternando leggerezza e tragedia come solo Andy Warhol prima di lui era riuscito a fare.
Maurizio Cattelan: Be Right Back, il lungometraggio diretto da Maura Axelrod di cui vi mostriamo un trailer, cerca di raccontare l’artista padovano intervistando curatori, collezionisti, protagonisti del mondo dell’arte ed ex-fidanzate. Il docu-film, dopo l’anteprima al Tribeca Film Festival, sarà nelle sale italiane il 30 e il 31 maggio nell’ambito della stagione della Grande Arte al Cinema, distribuito da Nexo Digital in collaborazione con Feltrinelli Real Cinema.

www.nexodigital.it

Dati correlati
AutoreMaurizio Cattelan
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.