Sono passati cento anni ormai dalla nascita del readymade, ma l’opera di Marcel Duchamp non smette di porre questioni, spingendo il pubblico a mettere costantemente in discussione il ruolo dell’artista e la natura dell’opera d’arte. In questo video la curatrice del MoMA Ann Temkin ripercorre la storia di questo gesto radicale e anticipatore, spiegandone la genesi e l’importanza, sottolineando soprattutto la volontà dell’artista francese di superare lo stato “retinico”, alla ricerca di un’arte del pensiero. Un cambio di prospettiva che ha cambiato radicalmente il percorso dell’arte contemporanea, influenzando generazioni di giovani artisti fino ai nostri giorni.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.

1 COMMENT

  1. Tutto molto interessante; ma esiste una intervista filmata in cui Marcel Duchamp dice testualmente di non riuscire a capire come il pubblico possa continuare a ritenere i suoi Ready-made così importanti, per la storia dell’arte moderna, quando lui stesso attribuiva ad essi un valore molto più marginale…

Comments are closed.