La storia e la sua ricostruzione cinematografica. Un rapporto complesso, che dipende in gran parte dagli obiettivi del regista: quanto conta la fedeltà al documento e quanto pesano invece la sua interpretazione emotiva e lo sfruttamento del suo potenziale spettacolare?
In un video di tre minuti, montato dal filmmaker e attore Vugar Efendi (già autore di una fortunata serie sul rapporto tra cinema e pittura), alcuni momenti storici famosi vengono messi a confronto con il loro corrispettivo finzionale, girato per il grande schermo. Dai concerti di Edith Piaf al tour della Casa Bianca con Jacqueline Kennedy, passando per l’omicidio di Lee Harvey Oswlad e il matrimonio di Stephen Hawking. Il tutto montato usando una semplice divisione dello schermo a metà, che accentua la fedeltà della riproduzione, e con una colonna sonora carica di pathos.

– Valentina Tanni

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016, Lubiana 2017). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Attualmente insegna Digital Art al Politecnico di Milano. Dal 2011 collabora con Artribune.

LEAVE A REPLY