Come nasce una retrospettiva? In questo video, pubblicato dal Moderna Museet di Stoccolma, vediamo Marina Abramović (Belgrado, 1946) alle prese con la progettazione e l’allestimento della sua mostra più recente e più completa su suolo europeo, The Cleaner, in corso fino al 21 maggio 2017. Il progetto espositivo comprende tutti i lavori più importanti dell’artista serba, a partire dagli Anni Sessanta fino a oggi, per un totale di oltre 120 opere tra video, fotografie e installazioni. Inoltre, per la primissima volta, la Abramović ha deciso di includere nel progetto alcuni vecchi pezzi mai visti prima, come ad esempio una curiosa serie di disegni, dipinti e composizioni musicali realizzati all’inizio della sua carriera, prima che la sua ricerca virasse in maniera decisa verso la performance, settore in cui, prima insieme ad Ulay e poi da sola, ha dato un contributo di importanza storica indiscussa.

www.modernamuseet.se

Dati correlati
AutoreMarina Abramovic
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.