Arriva in Occidente la prima serie televisiva co-prodotta dallo Studio Ghibli. Si intitola Ronja, la figlia del brigante (Sanzoku no musume Rōnya / Ronia, the Robber’s Daughter), ed è disponibile in streaming sulla piattaforma Amazon Prime dalla fine di gennaio. Il regista è nientemeno che Gōro Miyazaki, figlio del fondatore di Ghibli, il mitico Hayao, e la storia su cui si basa è un romanzo del 1981 firmato da Astrid Lindgren, famosa in tutto il mondo per aver creato l’amatissimo personaggio di Pippi Calzelunghe.
La serie animata giapponese è composta da 26 episodi ed è stata trasmessa in patria già nel 2015; la vicenda, una storia fantastica ambientata nella Scandinavia medievale, ben si presta alla reinterpretazione da parte di Studio Ghibli, trattando temi molto cari ai suoi autori: l’infanzia, la famiglia, l’amicizia, l’aspetto magico e sovrannaturale. La voce narrante nella versione inglese è quella di Gillian Anderson, la Dana Scully di X Files, che aveva già doppiato un personaggio del film La Principessa Mononoke. Ronja, la figlia del brigante è al momento disponibile solo per gli utenti iscritti ad Amazon Prime di Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Austria e Giappone, ma si prevede presto un arrivo sulle piattaforme degli altri Paesi europei.

– Valentina Tanni

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma e Milano. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020).