Continuano le sperimentazioni tecnologiche che puntano a valorizzare il patrimonio archeologico di Roma. Dopo la realtà aumentata all’Ara Pacis, un’iniziativa che permetteva di vedere il monumento nel suo assetto originario, arriva ora la realtà virtuale nel cantiere di restauro della Domus Aurea.
A partire dal 4 febbraio 2107, infatti, il sito riapre con degli innovativi interventi multimediali nella prospettiva di valorizzazione scientifica del cantiere. Come implementazione rispetto agli anni precedenti è stato realizzato un progetto site specific di realtà immersiva e video racconto. I due interventi proposti si sviluppano lungo il percorso in dodici tappe della visita guidata: una proiezione emozionale che racconta la storia della Domus nella galleria d’ingresso e un’installazione in realtà virtuale all’interno della Sala della volta dorata, fruibile tramite visori Oculus Rift.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.

1 COMMENT

Comments are closed.