Walter Martin e Paloma Muñoz vivono e lavorano insieme da ben 23 anni. Da una quindicina, però, hanno iniziato a produrre la loro serie di lavori più famosa, quella dei globi di neve, un progetto che li ha resi noti in tutto il mondo. Le loro sculture, racchiuse all’interno di piccole sfere in vetro riempite di candidi fiocchi di neve, hanno la stessa forma dei souvenir che si comprano negli aeroporti di tutto il mondo, con i quali potrebbero, a un primo sguardo, confondersi. Osservandoli con attenzione però, si scoprono al loro interno delle scene molto particolari: inquietanti, romantiche, surreali, a volte persino macabre. Sono piccoli “campioni” di mondo, come li definisce la Muñoz, e raccontano storie dal fascino cinematografico: dei fermo-immagine tratti da vicende di cui non conosciamo l’inizio né la fine.

www.martin-munoz.net

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.