Cosa succede alla propria personalità quando la vita viene sconvolta da un evento tragico? Si cambia in meglio o in peggio? E come si affronta la mutazione? Queste e altre domande sono al centro del film documentario One More Time With Feeling, la pellicola diretta da Andrew Dominik che sta per uscire nelle sale. Protagonista assoluto del film, il musicista australiano Nick Cave, ripreso con la sua band The Bad Seeds durante la produzione del nuovo album, intitolato The Skeleton Tree. Cave, che aveva già prodotto in passato un eccezionale documentario musicale aiutato alla regia dall’incredibile talento di Jane Pollard & Ian Forsyth (20,000 Days on Earth, 2013), si mette a nudo in un momento tragico della propria esistenza, sconvolta lo scorso anno dalla scomparsa di suo figlio Arthur, caduto da una scogliera a soli 15 anni dopo aver assunto dell’LSD insieme a un amico. Nel trailer del film, che è stato girato sia in bianco e nero che a colori e anche in versione 3D, vediamo il musicista assorto nella composizione e nell’esecuzione dei brani, ripreso in un austero stile fotografico che rispecchia il tono tragico e commosso della colonna sonora.
One More Time With Feeling uscirà negli Stati Uniti il prossimo 8 settembre e sarà nelle sale per una sola sera: quella che precede l’uscita del disco in tutto il mondo. In Italia la pellicola sarà al cinema per due giorni, il 27 e il 28 settembre, ma un’anteprima assoluta è prevista durante la 73° Mostra del Cinema di Venezia (31 agosto – 10 settembre 2016).

– Valentina Tanni

www.onemoretimewithfeeling.film

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.