Quadri ad altezza di segugio, installazioni interattive a forma di ciotole di croccantini, finestrini di automobili con tanto di vento simulato, video di frisbee che volano. Sono le opere della mostra per cani curata dall’artista e designer inglese Dominic Wilcox, noto per i suoi tanti progetti surreali, su commissione della compagnia di assicurazioni More Th>n. L’iniziativa fa parte di una campagna di sensibilizzazione rivolta ai proprietari di animali che si intitola PlayMore e vuole ricordare l’importanza del gioco e della socializzazione nella vita quotidiana degli animali domestici.
Tra i pezzi forti della mostra, che naturalmente punta sul gioco, ma allo stesso tempo ironizza sulla tendenza “luna park” di molta arte contemporanea recente, c’è anche una selezione di dipinti e disegni creati usando solo colori visibili dallo spettro canino. Oltre ad alcune opere realizzate da Wilcox stesso, in mostra ci sono anche una serie di lavori di altri artisti, come Nick White, Clare Mallison, Joanne Hummel-Newell, Robert Nicol e Michelle Thompson. Tutti i partecipanti hanno lavorato fianco a fianco con veterinari ed educatori, che li hanno consigliati e istruiti sui modi migliori per stimolare, fisicamente e mentalmente, i visitatori a quattro zampe.
Wilcox, che afferma di “prendere sempre il concetto di giocosità tremendamente sul serio”, ha dichiarato: “l’arte contemporanea è un’importante fonte di ispirazione e fascinazione per gli esseri umani, ma non è mai stato fatto il tentativo di ricreare lo stesso tipo di emozioni negli animali”,

– Valentina Tanni

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.