L’idea è di Bruno Ferrin, proprietario insieme alla moglie Marisa dell’Osteria ai Pioppi, un ristorante immerso nel verde a Nervesa della Battaglia, in provincia di Treviso. Da diversi anni ormai, questo piccolo parco si affolla di turisti e curiosi, che lo raggiungono per provare le incredibili giostre costruite dal signor Bruno, divenute famose anche all’estero grazie ai tanti articoli usciti su quotidiani e settimanali di tutto il mondo. Ogni anno infatti oltre 50mila persone arrivano in questo luogo insieme alla propria famiglia. Sono circa quaranta diversi giochi in metallo, tutti ideati e realizzati a mano e funzionanti senza energia elettrica; le giostre si attivano manualmente, pedalando oppure sfruttando il peso del corpo. Ci sono scivoli, tappeti elastici, tirapugni, montagne russe e persino un gioco ispirato all’Uomo Vitruviano di Leonardo.

Nei due video che vi proponiamo, l’ideatore del parco, che dichiara di ispirarsi ai movimenti della natura e degli animali per creare le sue attrazioni, racconta la genesi del progetto (iniziato nel 1969) e spiega la sua soddisfazione nel vedere grandi e piccini divertirsi con le sue creazioni. Il parco è aperto gratuitamente per tutti i clienti dell’Osteria; nel weekend durante l’anno e tutto il giorno d’estate.

– Valentina Tanni

www.aipioppi.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016, Lubiana 2017). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Attualmente insegna Digital Art al Politecnico di Milano. Dal 2011 collabora con Artribune.