Per la serie della Tate Unlock Art, Dawn o’Porter introduce il capitolo dedicato alla Breve storia del nudo nell’arte. Una pillola video di pochi minuti per riassumere 3000 anni di cambi di gusto e percezione nella riproduzione scultorea e pittorica dei corpi senza veli. Dalla venere paleolitica alle deformazioni contemporanee vengono descritte le opere più famose del genere, con un’incisiva spiegazione a margine. Una sorta di manuale illustrato per le grandi masse dove, con l’ausilio di piccoli giochi grafici, si semplificano le differenze tra La Venere di Urbino di Tiziano e Olympia di Manet, si spiega che affronto si nasconde dietro lo sguardo delle Demoiselles d’Avignon di Picasso e cosa rende asettici e sensuali i quadri di Francis Bacon e Lucian Freud. Simbolismo o allegoria, erotismo o indifferenza: stili divergenti che rispondono ad esigenze sociali e personali specifiche. All’apparenza di una semplicità disarmante, questo video divulgativo è uno spunto per osservare come il contesto influenza la produzione d’arte e che tipo di manipolazione linguistica ne può conseguire.

– Federica Polidoro

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.