Mai fidarsi di uno chef italiano magro. Parola di chef (italiano e magro). Autoironico avvertimento, scelto da Massimo Bottura come titolo del suo nuovo libro (Never trust a skinny italian chef / Vieni in Italia con me), pubblicato dal colosso editoriale Phaidon insieme a L’ippocampo. Un libro di ricette, naturalmente, per uno dei volti iconici del food nostrano: 25 anni di fulgida carriera alle spalle, con tre stelle Michelin ottenute grazie alla sua Osteria Francescana, un terzo posto nel World’s 50 Best Restaurants e un ruolo di ambasciatore della cucina italiana nel mondo, conquistato sul campo grazie all’incontenibile talento creativo.
E c’è proprio il racconto di questa lunga scalata verso il successo, tra le pagine del volume, quasi un diario personale che mette nero su bianco idee, passioni, vicende, suggestioni, sfide – e naturalmente piatti e menu – di uno chef pieno di charme. Cibo, innanzitutto, ma anche arte, musica, luoghi, tradizioni e sperimentazioni: un mix di ingredienti autobiografici, per raccontare chi è, cosa ama, cosa mangia e cosa fa mangiare ai suoi parterre di gourmand, Mr. Bottura.

Fra i tanti documenti raccolti e prodotti ci sono anche alcuni gustosi “out-takes”, materiali video inutilizzati, che adesso finiscono online, come preziose pillole d’approfondimento. Quello dedicato al Camouflage, per esempio: una speciale Lievre à la Royal, ideata da Bottura del 2012.
In un mélange boschivo di verdi e marroni, l’aspetto rimanda al tipico motivo mimetico militare, perfettamente emulato; mentre lo spunto arriva da un aneddoto scovato dentro il libretto di Gertrude Stein su Picasso (Adelphi): era una notte del 1914 quando, a Parigi, l’artista si imbatteva in un blindato militare, esclamando: Quello l’abbiamo inventato noi! È cubismo!. Scena che pungola l’immaginazione, fino a tramutare il classico civet francese in un esperimento cubista, scomposto e ricomposto tra frammenti, contrasti ed articolazioni inedite di sapori.
La lepre marinata incontra così il foie gras, lo zucchero mascobado e il sale alla vaniglia, e poispezie polverizzate (dalla cannella al ginepro, dai chiodi di garofano al pepe), erbe aromatiche frullate, porcini grigliati disidratati – anche questi ridotti in polvere -, briciole di biscotti al caffè e cioccolato, cenere di verdura, tritato di sedano rapa,tartufo bianco disidratato. Mistura raffinatissima, giocata sul filo di accordi disarmonici e apparecchiata come un’impalpabile tavolozza autunnale. Tra polveri profumate e pittura pastosa.
E se volete approfondire il tema dei cuochi che scrivono, un po’ di nomi e di spunti li trovate nell’articolo di Martina Liverani pubblicato su Artribune Magazine numero 22, rubrica Buonvivere. Con Bottura in cima alla lista.

Helga Marsala

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d'arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatorice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.