Agonismi incrociati. Bertozzi e Casoni a Modena

Galleria Antonio Verolino, Modena – fino al 26 ottobre 2016. All’insegna dell’agonismo, tema del Festival Filosofia 2016, tra decomposizioni, riflessioni sull’ecologia e rifiuti stravaganti, Bertozzi & Casoni presentano nella città estense alcuni lavori storici, una nuova installazione e un’opera “sperimentale”.

Bertozzi & Casoni, Polar Bear, 2016
Bertozzi & Casoni, Polar Bear, 2016

Una riflessione sul capitale umano in balìa di un disastro ecologico imminente, porta il duo Giampaolo Bertozzi (Borgo Tossignano, 1957) & Stefano Casoni (Lugo di Romagna, 1961) alla galleria di Antonio Verolino che, seguendo le orme del padre, unisce la raffinata tradizione tessile di famiglia alle ultime ricerche sul contemporaneo. Esperimento di contaminazione riuscito, poiché i due maestri, oltre a legarsi alla tradizione dissacrandola con intelligenti divagazioni trash, come il rimando all’Arcimboldo, con la frutta infestata da pacchetti di sigarette e lordume o a Manzoni con le latte insudiciate, realizzano un disegno per un tappeto in seta tessuto a mano in Nepal, con un teschio, memento mori di un mondo in dissoluzione, assediato da un alveare e delimitato da una raffinata cornice di ceramica. Imponente è invece il Polar bear ingabbiato e feroce, opera inedita, che lotta contro il suo imprigionamento da parte delle multinazionali, i cui marchi sono impressi sulla gabbia metallica.

Francesca Baboni

Modena // fino al 26 ottobre 2016
Bertozzi & Casoni – Il capitale umano tra consolazioni e desolazioni
a cura di Franco Bertoni
ANTONIO VEROLINO
Via Farini 70 angolo Piazza Roma
059 237845
[email protected]
www.galleriaantonioverolino.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/55889/bertozzi-casoni-il-capitale-umano/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Baboni
Francesca Baboni vive a Correggio (Re). Laureata in Lettere Classiche con indirizzo storico-artistico all'Università di Bologna, è critico d'arte, storico dell'arte e curatrice indipendente. Da diversi anni cura per spazi privati ed istituzionali mostre personali e collettive di artisti contemporanei, con un'attenzione particolare alla pittura e alla fotografia. Collabora con il Centro Studi Correggio Art Home dedicato al pittore Antonio Allegri detto Il Correggio per conferenze, ricerche e visite guidate, ed è membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Il Correggio, che ne gestisce l'attività.