Descrivere l’indeterminato. Sei artisti a Genova

ABC Arte, Genova – fino al 23 settembre 2016. Sei artisti della generazione dei Millennials ripensano i codici della rappresentazione astratta, attraverso segni e gesti, pittura, scultura e installazioni ambientali.

Principio di indeterminazione - ABC Arte, Genova 2016 - Isabella Nazzarri - photo Linda Kaiser
Principio di indeterminazione - ABC Arte, Genova 2016 - Isabella Nazzarri - photo Linda Kaiser

IL POTERE DELL’INCERTEZZA
Il titolo della mostra allestita nella galleria genovese richiama alla mente il principio di indeterminazione del fisico tedesco Werner Heisenberg, secondo il quale due variabili coniugate non si possono misurare simultaneamente senza una incertezza minima ineliminabile. Su questa dimensione indaga l’arte, in quanto per definizione non è storia lineare, ma piuttosto una particella, inafferrabile e inclassificabile, di noi stessi.
Così Matteo Negri realizza, con L’oro di Genova, un Kamigami flat, un insieme infinito in cui, da una parte, disassa lo spazio ortogonale del reticolo urbano e, dall’altra, inganna la materia con il cromoliquido. La sua ricerca autonoma si amplifica nei Ricordi di un’estate, una vecchia cassettiera che nasconde oggetti della memoria, magia dei piccoli riflessi degli specchi (il mare, un tramonto?).

ALGORITMI E POST-IT
Patrick Tabarelli, invece, lavora su una pittura multisensoriale, che costruisce attraverso un software digitale. I suoi acrilici su tela intitolati {F}, basati sullo stesso algoritmo (F sta per flowfield) e pochi colori, giocano proprio sull’indeterminazione. L’artista ha costruito appositamente la “macchina che fa unicità” e che, fedele al nome, non salva mai gli originali, rendendoli irriproducibili. C’è poi Viviana Valla, le cui opere raffinate parlano di un ordine apparente, cui fa eco un disordine interiore. La sua cifra stilistica sono i post-it recuperati, strappati, appiccicati sulla tela, cancellati spesso da altri segni – l’evidenziatore verde, la matita rossa, la biro blu, l’UniPosca bianco, la pittura, i materiali di riciclo – e stratificati o abrasi come i pensieri e le emozioni. Richiama l’intimità, il diario, ma anche la censura, nella sua volontà di nascondere il messaggio che lancia.

ASTRAZIONE E PIXEL
Giulio Zanet preferisce le forme astratte, le sagome irregolari, contraddittorie, che riportano impronte di rete metallica, scotch strappati, secondo texture imprecise e casuali. Sta allo spettatore leggere la pittura, i colori e persino la direzione delle opere, che lui cambia spesso, come eventuali paesaggi astratti. Isabella Nazzarri crea sul soffitto a volta un grande vortice site specific, Genesi, con una forma unicellulare al centro. Il suo ciclo, il Sistema innaturale, concatena gli elementi (di richiamo fitomorfo) in una sorta di atlante classificatorio.
Paolo Bini, infine, costruisce una pattern painting cromatica e astratta su nastri di carta che monta su tela, in opere come Osmosi dove, tra pixel e scanner, restituisce una visione lirica e ben scandita della realtà.

Linda Kaiser

Genova // fino al 23 settembre 2016
Principio di indeterminazione / L’astrazione dopo l’astrazione
a cura di Ivan Quaroni
ABC ARTE
Via XX Settembre 11a
010 8683884
[email protected]
www.abc-arte.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/54451/principio-di-indeterminazione-lastrazione-dopo-lastrazione/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Linda Kaiser
Linda Kaiser (Genova, 1963) è laureata in Storia della critica d’arte all’Università di Genova, dottore di ricerca in Storia e critica dei beni artistici e ambientali all’Università di Milano, specializzata in Storia dell’arte contemporanea alla Scuola di Specializzazione in storia dell’arte dell’Università di Siena. È critico d’arte contemporanea, giornalista, fotografa e curatore. È specialista di Fluxus, Outsider Art, Mail Art, Arte Povera, Anacronismo, museologia e cultura d’impresa. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati (tra questi, Genova, Palazzo Ducale: “Arte Povera: la prima mostra”, 2012; “Andrei Molodkin. Transformers No. M208”, 2014). Ha tenuto seminari di arte presso le Università di Genova, Siena, Milano e Kassel. Già consulente scientifica di Assolombarda, ha contribuito a fondare nel 2001 a Milano l’Associazione Museimpresa. Ha ideato e curato l’Archivio Storico Riva a Sarnico (BG). Sta costruendo l’Archivio Storico Cressi a Genova. È autrice di monografie come “L’Anacronismo e il ritorno alla pittura. L’origine è la meta” (Silvana Editoriale, 2003) e della prima Guida Touring dedicata al “Turismo industriale in Italia. Arte, scienza, industria: musei e archivi d’impresa” (TCI, 2003). Pubblica servizi e foto su Artribune dal 2012; su altri periodici e portali scrive di arte, spettacoli, musica, cultura d’impresa, nautica, food & wine. Elabora e crede in modelli propositivi che promuovano una politica culturale interdisciplinare.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY