Made in Japan? Kensuke Koike a Bari

Galleria Artcore, Bari – fino al 14 giugno 2014. Nato in Giappone, con una formazione allo Iuav di Venezia, Kensuke Koike incide la realtà per creare nuove immagini. E il pensiero vola alle Pictures…

Kensuke Koike - Impulse, Claire Denis - elizabeth Taylor

Kensuke Koike (Nagoya, 1980) arriva in Puglia con una personale curata da Guido Bartorelli e con un lavoro che fa incontrare le due anime del suo percorso personale. La trama delicata, poetica delle sue opere, i riferimenti al mondo dei manga rimandano indubbiamente alla terra d’origine. Ma non solo. Emerge, anche, lo studio accurato delle Pictures e del postmoderno quando questo giovane giapponese interviene sulle immagini tagliando, appropriandosene e reinterpretandole nuovamente. Nella serie Impulse, i baci famosi del cinema raccontano una storia diversa, diventando altro e facendo incontrare epoche diverse, narrazioni molteplici e, inoltre, vite differenti. La serie Lotus, double face, crea nuove immagini attraverso l’incisione dell’effige nascosta. Il davanti è un fiore di loto, il retro è un volto piacevolmente amputato. La videoinstallazione, che fa comunicare monitor collocati in stanze differenti, sovrappone al video di un film di guerra l’audio della nota serie animata C’era una volta Pollon e viceversa. E così via. In un collage perfetto.

Santa Nastro

Bari // fino al 14 giugno 2014
Kensuke Koike – Switchover
a cura di Guido Bartorelli
ARTCORE
Via De Giosa 48
347 6574411 / 340 7225237
[email protected]
www.artcore.it

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.

1 COMMENT

  1. Quando andate a vedere questa mostra baciate la prima persona del vostro stesso sesso che trovate in galleria (e sperate che non vi tagli la faccia per farne un fior di loto)

Comments are closed.