Markus Raetz: viaggi nell’inconscio

L’ambiguità della materia e dei segni si manifesta poeticamente nelle opere di Markus Raetz, decano dell’arte concettuale. Subcosciente, trascendente e sottilmente ironico come solo un artista svizzero sa essere. Tra anamorfosi, mobiles e incisioni, ritorna alla galleria De Cardenas di Milano fino all’11 maggio.

Markus Raetz, Ring, 2009-10 - Courtesy Galleria Monica De Cardenas, Milano-Zuoz

C’è qualcosa che ondeggia sempre nei lavori di Markus Raetz (Berna, 1941): spostandosi da un’idea oggettiva a un approccio concettuale siderale, per poi quasi lambire derive purovisibilistiche. Eppure, nella selezione di lavori presenti in mostra, che coprono all’incirca un trentennio di produzione, la sensazione che più si avverte è che tali differenti registri siano in realtà subordinati a un’intuizione più complessiva e poetica, che in lavori come le serie di incisioni rivela reminiscenze surrealistiche, inconsce e imponderabili.
L’artista svizzero, che lungo la sua carriera ha esposto in musei e mostre prestigiose (ad iniziare dalla leggendaria Documenta 5 del 1972), sembra ritornare fissamente e diligentemente in quel solco di matrice tutta tedesca che lungo la storia ha accomunato Dürer, Ernst, i rigorosi studi di Arnheim sulla percezione visiva e ovviamente il matematico Möbius, omaggiato qui nel bronzo Ring che come una particella elementare diventa la sintesi di tutto il mondo di Raetz.

Riccardo Conti

Milano // fino all’11 maggio 2013
Markus Raetz
MONICA DE CARDENAS
Via Francesco Viganò 4
02 29010068
[email protected]  
www.monicadecardenas.com  

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Riccardo Conti
Riccardo Conti (Como, 1979; vive a Milano), critico d’arte e pubblicista, si occupa principalmente di cultura visiva e linguaggi come video e moda. Collabora con riviste come Vogue Italia, Domus, Mousse, Vice e i-D Italy, ha curato diverse mostre per gallerie e spazi privati ed è autore di alcuni format televisivi riguardanti arti visive e cultura contemporanea. Ha insegnato presso l’Accademia di Belle Arti di Brera e la facoltà di Architettura del Politecnico di Milano e ha tenuto seminari presso altre università e istituzioni quali NABA, IULM e KHIO di Oslo. Attualmente è docente di Visual Culture presso le sedi IED di Milano e Torino.