A forza di sottrarre, cosa resta? David Maljkovic a Roma

Ma le opere dove sono? Tracce enigmatiche. Opere mancanti. Lievi interventi. Luci e suoni. Direttamente da Fiume, David Maljkovic lavora sulla sottrazione a più non posso. È la non-mostra nel nuovo spazio di T293 a Roma, fino al 10 novembre.

David Maljkovic - Temporary Projection - 2012

Tre installazioni dell’artista croato David Maljkovic (Rijeka, 1973) ridefiniscono tre diversi gruppi di lavoro, dove il concetto di sottrazione e rimozione prevale nettamente sull’atto del mostrare. Anti-espositive per eccellenza: luci, suoni, forme riescono a creare un contesto sempre nuovo. Una vecchia macchina da presa proietta un’immagine invisibile che sembra sorretta da due chiodi.
Un raggio luminoso indica una piccola struttura architettonica sospesa nel vuoto; un leggerissimo suono, simile al frinire di un grillo, accompagna la visione dei piani incrociati. Una grossa teca rettangolare, scavata nel muro, punteggiata da etichette. Frasi e date. Sono le didascalie delle opere mancanti di Vienceslav Richter, architetto croato. Nessuna opera si materializza, anzi scompare; rimane però l’essenza, il concetto, la costruzione.

Michele Luca Nero

Roma // fino al 10 novembre 2012
David Maljkovic – A Long Day for the Form
T293
Via Crescimbeni 11
06 88980475
[email protected]
www.t293.it

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Michele Luca Nero
Michele Luca Nero (Agnone, 1979), figlio d’arte, inizia a dipingere all’età di sei anni. Una passione ereditata dal padre, Francesco, insieme a quella teatrale acquisita dal nonno, Valentino, poeta e drammaturgo riconosciuto a livello internazionale. In pochi anni ha curato e realizzato numerose mostre, tra cui alcune personali. Un successo di pubblico che lo ha accompagnato anche nelle performance teatrali, non senza un'esperienza come ufficio stampa. Appassionato di cultura e società ma dotato di uno spiccato senso critico. Curioso, perfezionista, esteta. Forse a causa della sua innata passione per la musica, per la quale vanta oltre ad una laurea in etnomusicologia, anche studi musicali di pianoforte. Ha maturato esperienze nell'insegnamento e nella trascrizione musicale apportando un decisivo contributo alla salvaguardia del patrimonio di tradizione orale delle melodie della sua terra di origine. Vivace sperimentatore nel campo della pittura è alla costante ricerca di sempre nuovi linguaggi espressivi. Sostenitore del collage cerca da sempre di unire tradizione e modernità, con un ricorrente accenno al mondo del sacro, sua costante ossessione. La formazione teatrale ha influito notevolmente sulla sua concezione del corpo (figura), dello spazio e della materia. Nelle sue opere prevale sempre un carattere deciso, vuoi nel colore che nella definizione del soggetto: eleganza nella postura, espressività delvolto. Ha frequentato un corso di mimo e uno di portamento e passerella. In qualità di illustratore ha pubblicato “Matteo e il viaggio nel meraviglioso mondo dei libri” (2009) e “Gigì le coiffeur et la maison de beauté” (2011) per la Edigiò. È direttore responsabile del magazine CU.SP.I.D.E. (cultura, spettacolo, intrattenimento, divagazioni artistiche, etno-gastronomia). Dal 2011 fa parte dello staff redazionale di Artribune.