Cinquant’anni di camp

Un saggio capitale di Susan Sontag datato 1964 e dedicato al camp. Un curatore e una galleria, per una triplice mostra. Andrea Bruciati e la Jarach Gallery di Venezia. La prima tappa chiude il 10 marzo.

Davide Bertocchi - Collider - 2010 - courtesy l'artista & Jarach Gallery, Venezia

Primo di tre appuntamenti per la primavera della Jarach, Notes On Camp ha aperto in concomitanza con il celebre carnevale di Venezia. Gli artisti invitati da Andrea Bruciati sono Davide Bertocchi, Andrea Dojmi, Daniele Pezzi e Dragana Sapanjos, che con i loro lavori hanno risposto all’invito di riflettere sulla dichiarazione di Susan Sontag The essence of camp is its love of the unnatural: of artifice and exaggeration” (Notes On Camp, 1964). Un saggio che ha compiuto cinquant’anni e che viene qui riletto in chiave attualissima, una provocazione accolta con oggetti di forte impatto emotivo, in grado di distorcere la percezione della realtà e di infrangerne regole dimensionali, spaziali e di equilibrio. Fragilità ostentate sempre sull’orlo della catastrofe, ma che permangono inaspettate e solide. Strutture e sculture dalle violente cromie che incidono lo spazio immacolato della Jarach Gallery come rasoi impietosi. Attendiamo le altre due tappe.

Chiara Casarin

Venezia // fino al 10 marzo 2012
Notes On Camp #1
a cura di Andrea Bruciati
JARACH GALLERY
Campo San Fantin
041 5221938
[email protected]
www.jarachgallery.com


Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Chiara Casarin
Chiara Casarin è curatore d’arte contemporanea, membro del Comitato Scientifico delle Gallerie dell’Accademia di Venezia, membro del Comitato scientifico della Biblioteca Internazionale La Vigna di Vicenza e componente della Commissione per il nuovo Bailo dei Musei Civici di Treviso. Laureata in Storia dell’Arte all’Università degli Studi di Bologna e Dottore di Ricerca in storia dell’arte contemporanea (Scuola Studi Avanzati, Venezia – École des Hautes Études en Sciences Sociales, Parigi) dalla dissertazione ha pubblicato il saggio “L’autenticità nell’Arte Contemporanea” (ZeL Edizioni, Treviso 2015). Il suo percorso professionale coniuga la valorizzazione delle collezioni storiche con la ricerca sull’arte contemporanea e l’applicazione delle tecnologie digitali per la conservazione e la divulgazione del patrimonio storico artistico. È stata dal 2016 al 2020 Direttore dei Musei Civici di Bassano del Grappa. Ha condotto ricerche presso la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico di Roma, ha lavorato presso la Fondazione Benetton Iniziative Culturali di Treviso, la Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia e la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e Laguna.