Fiamme e ombre per una crocifissione

Vivaci colori spray fusi con l’arte antica; soggetti della pittura classica reinventati in composizioni visionarie; rielaborazioni di secolari tradizioni iconografiche. Pessoli e le nuove acquisizioni della Collezione Maramotti. A Reggio Emilia, fino al 29 gennaio.

Alessandro Pessoli - Fiamma pilota le ombre seguono - veduta della mostra presso la Collezione Maramotti, Reggio Emilia 2011

Tre dipinti, quasi un trittico che, non a caso, si conclude con una crocifissione, con tanto di fondo oro e citazioni letterali quanto dichiarate da Guido Reni e Grünewald, oltre che da evidenti riferimenti a Francis Bacon. Opere realizzate ad hoc, per la collezione Maramotti, da Alessandro Pessoli (Cervia, 1963; vive a Los Angeles), artista che ha condotto una ricerca tormentata su uno dei temi più connotanti la pittura italiana dal Medioevo a oggi. Ne è scaturito un percorso cristologico formato da altri due “strambi” episodi, una fuga in Egitto e un’Annunciazione, dipinti che in corso d’opera si sono trasfigurati: nel primo caso in una sorta di proiezione d’ombra della figura crocifissa in Fiamma pilota, nel secondo in una visione onirica fatta di grumi di folla, di tamburi e di una testa coronata da ali di farfalla.

Marta Santacatterina

Reggio Emilia // fino al 29 gennaio 2012
Alessandro Pessoli – Fiamma pilota le ombre seguono
Collezione Maramotti
Via Fratelli Cervi 66
0522 382484

[email protected]
www.collezionemaramotti.it


Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Santacatterina
Giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Storia dell'arte – titolo conseguito all'Università degli Studi di Parma con una tesi in Storia dell’arte medievale –, svolge da molti anni la professione di editor freelance per conto di varie case editrici ricoprendo anche, dal 2015 all’inizio del 2018, il ruolo di direttore editoriale del marchio Fermoeditore e della rivista collegata “fermomag”, sulla quale si è dedicata alle rubriche di arte, fotografia e mostre. Scrive per “Artribune” fin dalla nascita della rivista nel 2011, mentre più recenti sono le collaborazioni con il sito “Art&Dossier” – sul quale recensisce progetti allestiti in gallerie private –, con “La casa in ordine”, dove si occupa di designer emergenti e autoprodotti, e con la rivista “Dolcesalato”, su cui propone ai pasticceri suggestioni tratte dall'arte contemporanea. Scrive inoltre testi storico-artistici e sul fumetto per case editrici italiane (Giunti editore, Grafiche Step editrice ecc.) e statunitensi (Fantagraphics Books). Ha partecipato come giurata a concorsi di arte o fotografia e raramente cura delle mostre per artisti che riescono a convincerla grazie alla qualità dei lavori e alla solidità della loro poetica. Per la sede di Parma del Boston College, si occupa inoltre di attività di tutoring sull'arte contemporanea per studenti americani.