Ve la do io la Russia. Parola di Prigov

Artista, poeta, scrittore e commediografo. Nonché autore di performance musicali e teatrali. Dmitri Prigov, ovvero colui che ha restituito il ritratto fedele dell’epoca sovietica. In un indissolubile legame tra arti figurative e letteratura. A Venezia, fino al 15 ottobre.

Dmitri Prigov - Z.dders - 1997 - disegni per l'installazione - © The State Hermitage Museum, St. Petersburg / Yuri Molodkovets

“Più profondiamo per la Patria amore / Meno alla Patria andiamo a genio / Lo dissi un giorno e da allora / La mia idea non è venuta meno”. Prolifico poeta russo – ha scritto oltre 20mila componimenti -, Dmitri Prigov (Mosca, 1940-2007), in epoca sovietica uno degli intellettuali dissidenti, nasce come scultore per poi passare dalla grafica al collage, dalla poesia visiva all’installazione fino alla performance, e imporsi come figura chiave del Concettualismo moscovita.
In una commistione imprescindibile fra arte figurativa e poesia, dove la lingua è veicolo per decodificare e trasmettere significati complessi, sin dagli anni ’50 Prigov identifica la condizione drammatica della società sovietica e mette scena la parodia del regime socialista, servendosi degli stereotipi del regime stesso, per dedicarsi poi, nel decennio successivo, alla poesia visiva e ai miniscritti in lattina.

Dmitri Prigov

Negli anni ‘70 gli schizzi diventano più inquietanti e predomina il tema dell’orrore, leitmotiv della sua ricerca insieme a quello della morte.
Prigov è terrorizzato dall’espansione nello spazio, il cosmo si trasforma in buio profondo e il paesaggio in orrore. Persino i suoi autoritratti hanno lineamenti congelati, quasi fossilizzati. È la presa di coscienza che per la Russia non c’è salvezza. Per reazione scaturiscono progetti bianchi come spazi sterili di un ospedale, un cupo presagio: da lì a poco Prigov verrà arrestato e internato in ospedale psichiatrico, seppur per breve tempo.
La mostra è una conseguenza della donazione, avvenuta lo scorso anno, del corpus centrale dell’opera dell’artista all’Ermitage e tuttora oggetto di ricerca da parte di un team d’eccellenza. Disegni, oggetti e installazioni – alcune delle quali allestite per la prima volta in base agli schizzi preparatori dell’artista – si integrano con le poesie e le musiche che si diffondono tra le sale.

Dmitri Prigov - dalla serie Gouaches with gears - anni '70 - © The State Hermitage Museum, St. Petersburg / Yuri Molodkovets

Introdotta da tre video che documentano le performance poetiche, la mostra è dominata dal “terzo occhio” e dal calice di vino. Durante il percorso, brevi iscrizioni e forme verbali vengono incorporate a collage e disegni – tra i quali i fantastici bestiari di matrice medievale strutturati come storyboard – dove costantemente ritornano pietre, travi in legno, sedie senza gambe, tavoli e pile di carta. Gli oggetti, spesso lignei, legati tra loro da corde, sono immobilizzati e sospesi in un equilibrio irrazionale mai evidente al primo sguardo, e per questo particolarmente sinistro.
La mostra, con i suoi progetti aperti, si configura come una Gesamtkunstwerk. Un’opera d’arte totale dal forte impatto scenico, che mira a diventare – riuscendoci – perfetta sintesi dei differenti linguaggi espressivi.

Roberta Vanali

Venezia // fino al 15 ottobre 2011
Dmitri Prigov
(Evento collaterale della 54. Esposizione Internazionale d’Arte la Biennale di Venezia)

a cura di Dimitri Ozerkov
www.hermitage-prigov.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.