Madonna diventa Madre Natura in un’opera NFT di Beeple. All’asta su SuperRare

La cantante pop e l’artista digitale hanno collaborato alla realizzazione di tre video digitali che riflettono sul concetto di creazione e di nascita, e in cui Madonna interpreta Madre Natura. Le opere sono all’asta sulla piattaforma SuperRare, e i proventi delle vendite andranno in beneficenza

Madonna e Beeple, Mother of Creation
Madonna e Beeple, Mother of Creation

La regina del pop Madonna sbarca nel mondo degli NFT (Non Fungible Tokens) “trasformandosi” in opera d’arte digitale: Mother of Creation è il titolo dell’opera che la cantante ha realizzato insieme a Beeple (pseudonimo di Mike Winkelmann), artista digitale diventato noto in tutto il mondo per Everydays: the first 5000 days, opera battuta all’asta da Christie’s lo scorso anno per 69.346.250 dollari. Mother of Creation si compone di tre video digitali, acquistabili singolarmente, messi all’asta fino al prossimo 13 maggio sulla piattaforma-mercato online SuperRare. I proventi ottenuti dalle vendite saranno devoluti in beneficenza, a favore di tre organizzazioni no profit che sostengono donne e bambini, ovvero The Voices of Children Foundation, The City of Joy e Black Mama’s Bail Out. 

MADONNA E BEEPLE REALIZZANO UN’OPERA NFT 

In Mother of Creation Madonna interpreta in tre diversi modi il concetto di nascita, impersonando tre tipologie di “madri”: Mother of Nature, Mother of Evolution e Mother of Technology.  Nel primo video, Madonna dà vita, partorendolo, a un albero che cresce e fiorisce nonostante le intemperie; nel secondo video, la pop star genera farfalle, simbolo di rinascita e speranza, in un contesto post-apocalittico. Nel terzo video, infine, Madonna si trova in una foresta rigogliosa, dove dà vita a millepiedi-robot, in armonia con il contesto naturale. Un’immagine che reca un chiaro messaggio: la scienza può portare luce nel mondo, ma deve essere utilizzata con coscienza e nel rispetto del pianeta. 

MADONNA E GLI NFT 

“Quando Mike ed io abbiamo deciso di collaborare a questo progetto un anno fa, ero entusiasta di avere l’opportunità di condividere la mia visione del mondo come madre e artista con il punto di vista unico di Mike”, ha dichiarato Madonna. “È stato un viaggio straordinario dare vita a questo progetto partendo da un’idea intellettuale e da una storia emotiva. Volevo indagare il concetto di creazione, e non solo il modo in cui un bambino arriva al mondo attraverso la vagina di una donna, ma anche il modo in cui un artista dà vita alla creatività. Soprattutto, volevamo sfruttare questa opportunità a beneficio delle madri e dei bambini che hanno più bisogno in questo momento”. 

 

– Desirée Maida 

 

https://motherofcreation.xyz/ 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.