Hangar Bicocca, Macro, TREVILAB: gli appuntamenti online dei musei italiani

Nonostante il Dpcm non imponga ai musei di chiudere, sono diverse le istituzioni che hanno deciso di coinvolgere i visitatori con iniziative su internet ad hoc, riportando l’arte nelle case.

Hangar Bicocca di Milano, il Macro di Roma, TREVILAB di Bolzano e Metronom Books lanciano una serie di appuntamenti sulle proprie piattaforme digitali. Chi per discutere il futuro dell’arte e del mondo in generale, chi per soffermarsi su determinate professionalità del mondo della cultura, interpellando gli esperti, chi per rileggere i classici in una chiave del tutto nuova. Oltre a condividere il medium, le istituzioni hanno tutte uno scopo: offrire strumenti di riflessione in un momento di grande difficoltà per il mondo intero e favorire la creazione di quel senso di comunità così arduo da percepire a “distanza di sicurezza”. Di seguito i dettagli sulle iniziative.

-Giulia Giaume

1. IL PIANETA COME FESTIVAL, DAL MACRO DI ROMA

Pianeta come Festival, Macro di Roma

Il Pianeta come Festival. Un nome familiare, per chi conosce Ettore Sottsass: l’evento promosso dal Macro di Roma per il 2020-21 si chiama proprio come il progetto pubblicato nel ’72 dal leggendario architetto. L’analisi visionaria di Sottsass è stata declinata dal festival di musica Terraforma in chiave politica e sostenibile in tre capitoli, uno in streaming, uno dal vivo e uno online con approfondimenti sul sito del museo. Se per la parte fisica, una 24 ore al Macro, bisognerà aspettare fino a marzo 2021, dal 29 al 30 ottobre il museo presenterà online il primo capitolo. L’evento sarà visitabile collegandosi al portale del museo. Tra gli ospiti compare Timothy Morton, parte del gruppo di pensatori OOO e ideatore di Iperoggetti: in collegamento dagli Stati Uniti il filosofo terrà la lecture Lockdown is Reopening, Reopening is Lockdown. Al progetto online si affianca un’installazione site specific dell’artista finlandese Jenna Sutelaniimia, incentrata sul linguaggio dei batteri spaziali traslitterato in musica.

2. DA BOLZANO, ARTE PER NOI

Arte per noi, TREVILAB di Bolzano

Un progetto in tre incontri della Provincia Autonoma di Bolzano Alto – Adige | Ripartizione Cultura Italiana a cura di Contemporary Locus e Paola Tognon prenderà vita al centro Trevilab di Bolzano, di cui il primo fissato in diretta streaming per il 29 ottobre: è ARTE PER NOI. L’iniziativa vuole inserirsi in un momento di grande disorientamento, proponendo di mantenere viva una relazione esperienziale con l’arte attraverso testimonianze, storia e pratiche, senza dimenticare il rapporto con il digitale. Gli appuntamenti vedono relatori dall’Italia e dall’Europa, a cui si aggiungono ospiti dal territorio, chiamati ad aprire delle piattaforme di analisi su specifiche tematiche. Il primo incontro fissato alle 18 del 29 ottobre è intitolato Ad Arte: premi, bandi, professioni, opportunità e vuole porre una particolare attenzione sul tema dei premi nell’arte, valutando attraverso più voci l’efficacia e l’attualità dello strumento e le sue relazioni con l’identità e l’attrattività di territori e istituzioni. Per il secondo incontro bisognerà aspettare il 4 novembre, che con Nell’Arte: artisti e operatori confronta storie, pratiche ed esperienze di singoli operatori e professionisti per mettere a fuoco nuove strategie; il terzo, infine, è rivolto a “immaginare pratiche partecipative e innovative”, ed è strutturato in forma di workshop su iscrizione libera.

3. FASTEN YOUR SEATBELT, IL CONVEGNO

Fasten Your Seatbelt

Le autrici e gli autori dei saggi del volume Fasten Your Seatbelt, raccolta di Metronom Books dei contributi dei relatori al convegno Generazione Critica #6, terranno conversazioni in streaming su @metronomblog o faranno un takeover della pagina Instagram (ovvero prenderne in mano la gestione per un tempo determinato) della galleria. Il convegno aveva permesso di riflettere sul ruolo della tecnologia nella produzione artistica contemporanea, sia in termini di creazione che di modalità di fruizione. Sono stati ospiti gli artisti, critici, curatori e docenti Bruno Barsanti, Cesare Biasini Selvaggi, Gemma Fantacci, il collettivo Gli Impresari, Kamilia Kard, Elisabetta Modena, Santa Nastro e le diplomate al Master di alta formazione sull’immagine contemporanea di FMAV Isabella Nardon, Vanessa Pinzoni e Federica Porro.

4. RI-LETTURE D’AUTORE ALL’HANGAR BICOCCA

Orlando Book Club all’Hangar Bicocca di Milano

Sempre il 29 ottobre sarà l’acclamata autrice e conduttrice radiofonica Chiara Valerio a leggere e commentare insieme al pubblico alcuni brani di Orlando di Virginia Woolf, romanzo considerato antesignano della riflessione sulle questioni di genere e di identità. La lettura, che avverrà in streaming sui canali dell’Hangar Bicocca di Milano, rientra nel book club The Reading Society affiancato alla personale dell’artista statunitense Trisha Baga in mostra all’Hangar (quello di domani è il secondo incontro su tre, l’ultimo, su Frankenstein, è fissato al 13 novembre). L’opera di Woolf è così rilevante per la poetica di Baga da essere stata posta in apertura al percorso espositivo. Valerio esplorerà “le possibilità infinite di Orlando, di genere ma anche di tempo. L’andare e venire del tempo e di molteplici identità, che convivono oltre il genere”. Dopotutto conosce bene l’opera della scrittrice: ha tradotto e curato, della stessa Woolf, Flush, Freshwater e Tra un atto e l’altro.

Dati correlati
Spazi espositiviHANGAR BICOCCA, MACRO - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA, METRONOM, MUSEION
Indirizzo
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Giaume
Appassionata di cultura in ogni sua forma, è divoratrice di libri, spettacoli teatrali, mostre di arte figurativa e contemporanea. Avvicinatasi al giornalismo culturale con un corso sulla critica teatrale e cinematografica del maestro Daniel Rosenthal, cerca con ogni mezzo di replicare per iscritto la meraviglia che suscita in lei ogni manifestazione del genio umano. Laureata in Lettere, sta scrivendo la tesi di Scienze Storiche sulle aggregazioni sociali nate con le nuove forme abitative del secondo dopoguerra milanese, mentre conclude il master di giornalismo alla scuola Walter Tobagi. Scrive recensioni per Satisfiction e coltiva il suo senso del bello sul blog personale Cinquesensi.