Tutto il restauro del Polittico di Gand di Jan van Eyck documentato e fruibile su un sito

Online dal 2012, il sito dedicato alle opere di Jan van Eyck dall’inizio della pandemia ha registrato un incremento delle visite pari all’800%. Spingendo il Royal Institute for Cultural Heritage (KIK-IRPA) di Brussels e il Getty Museum a potenziarne contenuti e funzionalità, fruibili da tutti gratuitamente

Closer to van Eyck
Closer to van Eyck

Negli ultimi anni, sempre più spesso il mondo della cultura si serve del web per documentare, archiviare e promuovere collezioni, musei, mostre e patrimoni altrimenti difficilmente fruibili da appassionati e studiosi di ogni angolo del pianeta. Tendenza, questa, che negli ultimi mesi a causa della pandemia è stata ancora di più rimarcata, con progetti digitali che durante il lockdown hanno dato a tutti coloro costretti a casa dalla quarantena la possibilità di fruire dei capolavori della storia dell’arte. È quanto accaduto a Closer to van Eyck, sito web nato nel 2012 e promosso dal Royal Institute for Cultural Heritage (KIK-IRPA) di Brussels in cui è possibile studiare, osservare e scrutare ogni singolo dettaglio dei dipinti e delle miniature di Jan van Eyck, tra cui il celeberrimo Polittico dell’Agnello Mistico, noto anche come Polittico di Gand: dall’inizio della pandemia, le visite sul sito sono aumentate dell’800%, spingendo così il Getty Museum e il Royal Institute for Cultural Heritage in collaborazione con il Gieskes Strijbis Fund a potenziare funzionalità e offerta di Closer to van Eyck.

IL POLITTICO DI GAND SUL SITO CLOSER TO VAN EYCK

Le novità principali di Closer to van Eyckriguardano soprattutto il Polittico di Gande il suo restauro: sul sito sono infatti disponibili nuove immagini riflettografiche a infrarossi (IRR) che consentono agli utenti di scrutare il Polittico oltre la sua superficie pittorica, risalendo così alle prime fasi di ideazione dell’opera. Sono inoltre illustrate e spiegate tutte le fasi di restauro del dipinto finora svolte, con accurati report sullo stato di conservazione dell’opera scaricabili gratuitamente dagli utenti. Un’altra funzionalità del sito è il potente zoom che consente ai visitatori di osservare ogni minimo dettaglio dei capolavori di van Eyck: la precisione delle pennellate, il modo in cui la luce si “posa” sulle superfici degli oggetti rappresentati, la texture di tessuti, pelle, capelli.

CLOSER TO VAN EYCK. NON SOLO POLITTICO DI GAND

Oltre al Polittico di Gand, su Closer to van Eyckè possibile fruire ad altissima definizione anche celebre Ritratto dei coniugi Arnolfini, il presunto Autoritratto di Londra(National Gallery), il San Francescodi Torino, la Crocifissionedi Venezia, due pannelli d’altare di New York e una serie di opere meno conosciute che emulano van Eyck. In tutto le opere sono una trentina, e per ognuna di esse è possibile fruire dello zoom, mettendo così a confronto anche opere di dimensioni diverse.

– Desirée Maida

http://closertovaneyck.kikirpa.be/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.