MAR – Miniera Argentiera, in Sardegna apre il primo museo minerario in realtà aumentata

Il progetto di riqualificazione e valorizzazione dell’ex miniera dell’Argentiera si sviluppa all’insegna dell’arte e delle nuove tecnologie, con il coinvolgimento della comunità locale

Argentiera, ph. credit Alessandro Virdis
Argentiera, ph. credit Alessandro Virdis

Un piccolo centro di 70 abitanti nel nord-ovest della Sardegna, ex borgo minerario, che tra poche ore si rianimerà grazie all’arte e alle nuove tecnologie. I prossimi 27, 28 e 29 luglio verrà inaugurato, all’Argentiera, MAR – Miniera Argentiera, il primo museo minerario a cielo aperto in realtà aumentata: un progetto che rigenera e valorizza una ex area produttiva abbandonata e immersa nella natura, trasformandola in polo di attrazione per giovani e turisti e di sperimentazione per ricercatori, studenti e artisti. MAR – Miniera Argentiera nasce da un’idea di LandWorks, associazione culturale che ha sviluppato l’intero progetto in collaborazione con l’organizzazione non profit Bepart, con il sostegno del Comune di Sassari e il contributo del Parco Geominerario, Storico e Ambientale della Sardegna, del bando “culturability” promosso da Fondazione Unipolis e della Fondazione di Sardegna.

Argentiera, ph. credit Alessia Canneddu
Argentiera, ph. credit Alessia Canneddu

IL PROGETTO LANDWORKS PLUS PER L’EX MINIERA DELL’ARGENTIERA

“LandWorks nasce nel 2011, siamo un’associazione culturale formata per la maggior parte di architetti che organizza workshop operativi in siti abbandonati della Sardegna, con l’obiettivo di generare progetti di valorizzazione permanente”, racconta ad Artribune Paola Serrittu, Project Manager di MAR – Miniera Argentiera. “Dopo diverse esperienze in altri siti minerari, nel 2015 arriviamo all’Argentiera, e ce ne innamoriamo. Ai nostri workshop – ai quali solitamente partecipano docenti e studenti di tutto il mondo – l’amministrazione e gli abitanti dell’Argentiera hanno risposto con grande entusiasmo, spingendoci così a sviluppare un progetto più strutturato e a lungo termine che rimanga alla comunità”, continua Serrittu. “Decidiamo di chiamare il progetto ‘LandWorks Plus’, con l’idea di utilizzare il paesaggio come un campo sperimentale, mantenendo così la vocazione produttiva del sito e di trasformarlo allo stesso tempo in luogo di produzione culturale”. 

Milena Tipaldo, Mondi divisi, Strada per il mare, ph. Alessandro Virdis
Milena Tipaldo, Mondi divisi, Strada per il mare, ph. Alessandro Virdis

IL MUSEO MAR – MINIERA ARGENTIERA

La realizzazione del progetto è stata possibile grazie alla vittoria del bando “culturability” promosso da Fondazione Unipolis. Del programma di LandWorks Plus rientrava inoltre l’apertura di MAR – Miniera Argentiera, museo a cielo aperto esperibile grazie alla realtà aumentata realizzato con la collaborazione di Bepart, start up che promuove progetti artistici e creativi nelle città grazie alla realtà aumentata. “Il nostro obiettivo è trasformare l’Argentiera in un sito in cui artisti, studenti e ricercatori possano sperimentare l’arte, l’architettura e il paesaggio”, sottolinea Serrittu. In occasione dell’inaugurazione del museo, sono stati sono stati coinvolti, attraverso una call nazionale, gli artisti e professionisti della creatività digitale Francesco Clerici, Adolfo Di Molfetta, Milena Tipaldo e Andrea Zucchetti. Lo scorso maggio, durante due settimane di residenza artistica all’Argentiera, gli artisti hanno avuto la possibilità di conoscere la storia del luogo di realizzare, grazie al coinvolgimento della comunità locale, quattro opere fisiche in paste up art e quattro opere di animazione digitale, che sono diventate parte integrante del percorso del MAR – Miniera Argentiera. Per visitare il museo e fruire le opere in realtà aumentata, è necessario con un tablet o uno smartphone consultare la mappa delle quattro installazioni posizionate lungo l’Argentiera e poi inquadrare su ciascun edificio il poster con l’app Bepart per vederlo animarsi e dare vita all’opera digitale. L’app Bepart è scaricabile gratuitamente da Apple Store e Google Play.

– Desirée Maida

Argentiera (SS) // 27-28-29 luglio 2019
MAR – Miniera Argentiera
www.landworks.site/mar-argentiera

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.