Süden Radio. Un simposio di sound art a Firenze sulla dimensione sonora del Sud

A Villa Romana tre giorni di confronto e dibattito sull’emersione di nuove e altre geografie del suono nel sud del bacino del Mediterraneo, nel continente africano e in Medio Oriente.

Villa Romana, Firenze
Villa Romana, Firenze

Investigare il suono, sia come strumento di comprensione del mondo a partire dalla prospettiva del Sud, sia come piattaforma di riappropriazione, ri-territorializzazione e legittimazione, senza comunque appiattirlo sui semplici riferimenti geografici: questo è l’obiettivo di Süden Radio. Un simposio sulle nuove geografie del suono. Si tratta di una tre giorni – dal 20 al 22 aprile – di confronto e dibattito sull’emersione di nuove e altre geografie del suono nel sud del bacino del Mediterraneo, nel continente africano e in Medio Oriente. Suo promotore è Radio Papesse presso Villa Romana a Firenze, dove ha la sua sede dal 2011, quella web radio nata nel lontano 2006 all’interno del Palazzo delle Papesse Centro Arte Contemporanea di Siena con l’obiettivo di proporre una programmazione che intersecasse musica, sound art, nuove narrative e approfondimenti intorno all’arte contemporanea.

DALLA TOSCANA I PAESAGGI RADIOFONICI

Esploreremo i paesaggi radiofonici – tra vicinanza e lontananza – e le diverse estetiche e politiche di trasmissione – spiegano gli organizzatori -; apriremo il dibattito ai limiti, agli errori e alle proiezioni culturali della nostra stessa ricerca”. E lo faranno a partire dall’incontro di curatori, artisti, radio producer e ricercatori che, attraverso i loro interventi, faranno conoscere quei progetti artistici e radiofonici che adottano il suono come strumento critico di conoscenza. Tra i relatori figurano il curatore di progetti di media e sound art Leandro Pisano, il direttore artistico di Viafarini Simone Frangi, la storica dell’arte Lucrezia Cippitelli, la co-curatrice e fondatrice di Saout Radio Anna Raimondo, l’artista tedesca Claudia Wegener, l’artista nigeriano (tra i partecipanti di Documenta 14 e del prossimo Skulptur Projekte Münster) Emeka Ogboh, la sound artist di origine iraniana Fari Bradley, il direttore della piattaforma di ricerca Transnational Radio Encounter Golo Foellmer, il project manager delle web radio RAI Andrea Borgnino, la sound artist francese Chloé Despax e l’antropologo, sociologo ed esperto di studi culturali britannico Iain Chambers.

-Claudia Giraud

Evento correlato
Nome eventoSüden Radio
Vernissage20/04/2017 ore 18,30
Duratadal 20/04/2017 al 22/04/2017
Genereincontro - conferenza
Spazio espositivoVILLA ROMANA
IndirizzoVia Senese 68 - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).