Pitti Immagine Uomo. Il meglio della creatività da Danimarca, Svezia e Norvegia

“Scandinavian Manifesto” è il titolo del progetto presentato in occasione dell’ultima edizione di Pitti Uomo a Firenze che vede protagonisti designer provenienti dall’area scandinava

Sfilata SOULLAND, Teatro dell'Opera
Sfilata SOULLAND, Teatro dell'Opera

L’innovazione e la sperimentazione stilistica del panorama moda nordeuropeo viene raccontata a Pitti Uomo attraverso una selezione di marchi protagonisti del progetto espositivo Scandinavian Manifesto, frutto di un lavoro sinergico portato avanti da Pitti e Revolver Copenhagen per dare risalto ai designer internazionali di nuova generazione insieme alla credibilità dei brand consolidati e favorirne il mercato. Les Deux, Palmes, Adnym Atelier, BLK DNM, Wood Wood, Berner Khul, Rue de Tokyo, By death sono i marchi presenti in questa special area.

Pitti Immagine Uomo
Pitti Immagine Uomo

I DESIGNER SCANDINAVI A PITTI UOMO

Wood Wood, brand dall’heritage streetwear, porta a Pitti la prima collezione disegnata dal nuovo lead designer Dominic Huckbody, che approda alla casa di moda danese dopo aver collaborato per le collezioni maschili di Burberry, Wales Bonner, Givenchy e Martine Rose. La nuova collezione pensata per essere indossata in tutte le occasioni della giornata, fino alla sera, presenta un boost creativo ricercato, attento al dettaglio e ai materiali come nel completo in pelle e cavallino, la maglieria fatta di pezzi unici dipinti a mano con una tecnica che ricalca l’action painting, e il trench realizzato in collaborazione con Hangcock. Il softayloring di Rue de Tokyo – Copenaghen – è definito da tessuti freschi e versatili come il seersucker e nuove mescole pregiate di tessuti come il misto lino operato, proveniente da una fabbrica selezionata in Italia, insieme alle camicie con stampe hawayane ma rielaborate in chiave digitale portando con sé i valori della tradizione artigianale, insieme all’allure contemporanea di matrice giapponese.

SOULLAND
SOULLAND

MODA SCANDINAVA A PITTI UOMO. LO SPACIAL GUEST SOULLAND

La sfilata di Soulland che ha animato la cavea del Teatro del Maggio Fiorentino, facendo comunicare la collezione realizzata dal fondatore Silas Oda Adler e il team creativo del brand con le voluminose geometrie dell’anfiteatro lastricato, ha portato a Firenze il suo bagaglio stilistico versatile ma essenziale con un’elegante performance open-air. L’approccio del brand di Copenaghen, sostenibile fin dalle sue origini, si avvale di una ricerca di tessuti di alta qualità che si declinano in una visione contemporanea negli outfit e nell’utilizzo libero e genderfluid. La creatività del brand danese trova espressione in un mix di personalità e d’interpretazioni, fondendo ispirazioni rock nei sensuali capi in pelle dal taglio artigianale, gli intramontabili completi in velluto anni Settanta, contaminazioni street e la pregiata trama del pizzo bicolore, di grande impatto su completi, camicie e il prezioso tabarro.

– Federico Poletti

https://www.pittimmagine.com/

Eventi d'arte in corso a Firenze

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federico Poletti
Eclettico, nomade e multitasking: questi sono gli aggettivi che meglio definiscono l’orizzonte creativo e professionale di Federico Poletti. Milanese di adozione, parte da una formazione accademica nell’arte (laureato in Conservazione dei Beni Culturali) per arrivare a una visione della moda come progetto multi-culturale, crossover fluido in cui si mixano estetiche differenti. Giornalista, curatore indipendente e globe trotter instancabile, Federico si aggira per le fashion week più remote a caccia di nuovi talenti e delle più svariate forme di creatività 5.0. Tra le ultime fatiche editoriali, in uscita il suo ultimo libro edito da Skira: Maglifico! 50 anni di straordinaria maglieria italiana.