Morto Sergio Rossi per Coronavirus. Una leggenda del Made in Italy se ne va

Non fa sconti a nessuno, questo dannato COVID-19. E così se n’è andata anche una leggenda della moda e del Made in Italy: Sergio Rossi. Qui lo ricorda Aldo Premoli

Sergio Rossi
Sergio Rossi

Un personaggio leggendario. Almeno per chi lo ha conosciuto di persona. Romagnolo verace, Sergio Rossi (San Mauro Pascoli, 1935 – Cesena, 2020) è stato sino al 2 aprile scorso il decano, il monumento vivente di un miracolo che negli Anni Ottanta ha fatto di questo paese sulle rive del Rubicone il centro mondiale della produzione calzaturiera femminile di qualità.
Non è un caso se l’azienda da lui fondata nel 1951 viene poi acquisita nel 1999 dal Gruppo Gucci, poi divenuto Kering, che la rivende nel 2015 all’Investindustrial private equity. A quella giostra però Sergio non ha mai partecipato, avendo smesso di “scolpire” da anni.

LO SCULTORE DELLA CALZATURA

Su di lui circolano ancora oggi racconti come quello con cui voglio rendergli omaggio qui.
Perché Sergio era innanzitutto uno straordinario artigiano. Diciamolo senza mezzi termini: un artista della calzatura. In particolare, uno scultore. Perché per costruire una calzatura che sia insieme bellissima, sexy e comoda occorre partire da un ceppo di legno. Di palissandro o frassino, poi lavorato con raspa, carta vetrata e stucco: modellato e rimodellato per giorni e giorni, sino a trasformarsi nella “forma”, in quella scultura di poche decine di centimetri su cui modellare la pelle per ottenere la tomaia di una calzatura. Dallo sposalizio di forma e tomaia, ogni volta avviene un piccolo miracolo. E Sergio Rossi, insieme a Manolo Blahnik (e Salvatore Ferragamo prima di loro), a creare sculture per il piede femminile era il più bravo. I più bravi al mondo, quei tre, senza alcun dubbio.
Sergio poteva gettare un’occhiata a una “forma” portatagli in laboratorio da un collaboratore e rispondere senza esitare: “Tre millimetri di meno a destra”.  Nient’altro – era in uomo asciutto nel parlare –, lasciando tutti a bocca aperta, tra lo sgomento e l’ammirato.

LA MORTE DI SERGIO ROSSI

Sergio Rossi è mancato a 84 anni nella notte del 2 aprile all’ospedale Bufalini di Cesena, dove era stato ricoverato negli ultimi giorni. Aveva ereditato il mestiere da suo padre, calzolaio. A quattordici anni a bottega e durante l’estate con il resto della famiglia dietro una bancarella ambulante lungo tutta la riviera romagnola, da Rimini a Riccione. Attraverso collaborazioni con designer come Versace e Alaïa e Dolce&Gabbana, Sergio Rossi era riuscito a portare le sue creazioni sulle passerelle di ogni parte del mondo.

Aldo Premoli

www.sergiorossi.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Aldo Premoli
Milanese di nascita, vive a Noto e Cernobbio. E poi New York e Washington, dove lavorano i suoi figli. Tra il 1989 e il 2000 dirige “L’Uomo Vogue”. Nel 2001 fonda Apstudio e fornisce consulenze ad aziende e associazioni industriali italiane e straniere. In questo periodo ha tenuto conferenze in tre continenti per Ice, Anci e Aimpes e curato esposizioni che fanno da ponte tra arte e moda. Tra il 2013 e 2014 dirige “Tar magazine”, rivista di arte, scienza ed etica. Attualemnte è blogger di “Huffington Post”, columnist de “Linkiuesta”, direttore della piattaforma super local SudStyle.it. Senior curator di San Sebastiano Contemporary a Palazzolo Acreide. A Catania ha fondato l’onlus Mediterraneo Sicilia Europa, che si occupa di integrazione scolastica di minori in difficoltà. Nel 2021 ha fondato La Cernobbina Artstudio. Svolge la sua attività di visiting professor per Accademie del nord come del Sud della penisola.