Vertigo. Le suggestioni sartoriali di Sylvio Giardina

Mattatoio, Roma ‒ fino al 28 febbraio 2019. Il Mattatoio ospita l’installazione dello stilista siculo-parigino Sylvio Giardina, formatosi presso la maison Gattinoni. Il progetto, promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale e dall’Azienda Speciale Palaexpo, è stato inaugurato in concomitanza con l’edizione 2019 di Altaroma.

Quattro modelle che imitano la stasi di un manichino, cercando l’equilibrio su tacchi sgargianti e spumosi, unica nota di colore tra le leggerezze dell’organza e il tulle degli abiti. La mimesi tra i corpi, veri e finti, funziona, interrotta solo dai cedimenti delle “korai”, che stanche lasciano, a turno, il proprio plinto. Non è chiaro se sia una scelta di denuncia sul ruolo della donna-oggetto o di completa adesione. Per l’inaugurazione Sylvio Giardina (Parigi, 1967) mette in scena una sfilata statica, un fermo immagine, a metà tra la performance e l’installazione, per descrivere le ispirazioni sottese alla nuova collezione haute couture SS2019.
L’effetto generale è quello di una grotta, illuminata solo dalle ombre di ampolle e calici di Boemia, che, ondeggiando dal soffitto, riflettono sulle pareti le proprie ombre, in un movimento cadenzato, che rende fluido lo spazio e lo ammorbidisce, in armonia col sottofondo musicale. Il dialogo tra la carne e la resina non sopravvivrà all’inaugurazione, ma, certo, resteranno i cinque abiti, coni di luce candida, dove la cura maniacale per il dettaglio sartoriale esalta la filigrana dei tessuti e dei tagli geometrici, rimandando alla leggerezza, alle trasparenze e alla molteplicità dei riflessi del cristallo, quale metafora, forse, dell’immagine della verità. Non resta che scoprire l’intera collezione.

Fabio Massimo Pellicano

Evento correlato
Nome eventoSylvio Giardina - Vertigo
Vernissage26/01/2019 ore 18
Duratadal 26/01/2019 al 28/02/2019
AutoreSylvio Giardina
Generearte contemporanea
Spazio espositivoMATTATOIO
IndirizzoPiazza Orazio Giustiniani 4 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Fabio Massimo Pellicano
Fabio Massimo Pellicano (Roma, 1984). Pittore da sempre, o quasi. Avvocato da circa metà decade, ovvero la metà del tempo da cui scrivo come pubblicista. Arte, antiquariato, diritto: se inverti l’ordine delle parole il risultato non muta. Ho collaborato con l’agenzia di stampa DIRE, scrivo per riviste specializzate di diritto pubblico (Giustamm.it) e di arte per la Gazzetta Regionale.

LEAVE A REPLY