Marni punta sul talento dell’artista olandese Ruth van Beek. Borse e t-shirt come delicati collage

Aggraziati, ricercati, misteriosi, gli oggetti di Ruth van Beek giocano col concetto di collage. E Marni ci fa una deliziosa collezione moda.

Ruth van Beek
Ruth van Beek

Una pratica raffinata del taglia e incolla, sospesa tra ironia a accenti surreali, è al centro della ricerca dell’artista olandese Ruth van Beek (Zaandam, 1977), appassionata di micro architetture visive, da generare con l’arte della sovrapposizione, dell’accostamento e della rimodulazione formale. E sfilano frammenti di fotografie che diventano sculture, ritagli di giornale, vecchie foto di famiglia, piante esotiche, frutti, paesaggi, archivi di forme comuni e di memorie personali: il tutto ricombinato e risignificato con estrema delicatezza e con un gusto per l’incantesimo, sul filo dell’immaginazione.

Ruth van Beek per Marni
Ruth van Beek per Marni

Coi suoi lavori ha giocato il brand Marni, per la sua capsule collection Primavera/Estate 2017. Ne è venuta fuori una serie di T-shirt e top in jersey di cotone stampati, camicie in popeline, shopping bag in PVC e giacche a vento, che attraverso tagli, pieghe e accostamenti insoliti danno vita a immagini multilivello. Costante l’uso di colori pastello, come i riferimenti alla natura e gli innesti decorativi fra il geometrico e il floreale. Una galleria di creazioni ricercate, che diventano piccole opere d’arte da indossare. Disponibile nelle boutique Marni e su marni.com.

Iscriviti a Incanti. Il settimanale di Artribune sul mercato dell'arte

 
 

– Helga Marsala

www.marni.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d’arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all’Accademia di Belle Arti di Palermo e di Roma (dove è stata anche responsabile dell’ufficio comunicazione). Collaboratrice da vent’anni anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo, fino al 2010, come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la testata culturale Artribune, dove ancora oggi lavora come editorialista, collaborando col team di direzione e operando come curatrice e project manager nel nuovo comparto aziendale Artribune Produzioni. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica, politica, costume, comunicazione, attualità e linguaggi creativi contemporanei. Presso Riso Museo d’Arte contemporanea della Sicilia è stata curatrice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti, prevalentemente presso spazi pubblici italiani, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. È stata membro di commissioni e giurie per premi/residenze d’ambito nazionale, riservati ad artisti. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell’Assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.