ContamiNation. Intervista doppia al designer di Pentagram Lorenzo Fanton e ad Emanuele Cappelli

Cappelli Identity Design ospita a Roma il primo designer del progetto culturale ContamiNation, organizzato con Vertigo Design e la Rufa: Lorenzo Fanton, membro dell’agenzia Pentagram, da New York. Abbiamo incontrato lui e il direttore creativo dell’agenzia romana l’ultimo pomeriggio di una quattro giorni densa di eventi

Intervista doppia al designer di Pentagram Lorenzo Fanton e ad Emanuele Cappelli
Intervista doppia al designer di Pentagram Lorenzo Fanton e ad Emanuele Cappelli

Dal 21 al 24 ottobre, lo studio Cappelli Identity Design – agenzia creativa fondata da Emanuele Cappelli e attiva dal 2009 – ha ospitato a Roma Lorenzo Fanton, senior designer di Pentagram New York, protagonista di un fitto ciclo di incontri articolati tra lo studio Cappelli, lo studio Vertigo Design e la Rufa, Rome University of Fine Arts. Realtà diverse che si fondono e si articolano in un mix fra progettazione, formazione e contaminazione visiva. “Stiamo parlando di design a Roma come non si faceva da anni” dichiara Emanuele Cappelli “con l’intenzione di consolidare le reti relazionali, simboliche e creative nella nostra città e oltre Oceano”. Durante l’incontro – dedicato alle strategie di comunicazione visiva e trasmesso live sui canali social dello studio Cappelli – si è parlato di molte cose, di dedizione e di talento, di scelte, di momenti sliding doors, di prospettive, di Roma e di New York, di ricerca, di ambizione, di consapevolezza, strategia e sviluppo. Ad esempio. 

Raccontatemi di più del progetto ContamiNation: come nasce e quali le sue prospettive di sviluppo a medio e lungo termine?

EC: ContamiNation è un progetto culturale e di formazione pensato con un duplice intento: far incontrare creativi internazionali presso il nostro nuovo office studio a San Giovanni – inaugurato a giugno – e finanziare due borse di studio – una da Cuba e una dal Burkina Faso, con l’aiuto di Diébédo Francis Kéré – per portare otto settimane a Roma due studenti meritevoli. Filo rosso dell’operazione, la volontà di creare un gruppo umanamente di valore che sappia mettere in condivisione professionalità e sapere. Un progetto di cui sono orgoglioso, che punta ad avere cadenza mensile (ma i prossimi ospiti sono ancora top secret, n. d. r.) nonché a trasformare uno degli ambienti dello studio Cappelli in una residenza d’artista. Per alimentare lo scambio creativo tra le discipline e le persone.

Un’intensa agenda romana, in compagnia di Lorenzo Fanton, nata con l’intento di consolidare le reti relazionali, simboliche e creative nella nostra città e oltre Oceano: qual è il bilancio di questi incontri?

LF: Sono stati giorni molto intensi e formativi per me. Momenti di scambio e incontro anche con i ragazzi della RUFA a cui ho raccontato il mio lavoro da Pentagram a New York, come funziona la realtà di design indipendente più grande del mondo: tutto cominciò con 5 soci nel lontano 1972 e oggi ci sono 24 partners, ognuno con un team composto dalle 3 alle 15 persone, e sedi a NY, Londra, Berlino e Austin. Un’utopia realizzata. Io sono nel team di Emily Oberman, siamo in 12 creativi specializzati nell’entertainment world.

Comunicazione, design, marketing: tre argomenti difficili da trattare a Roma.. Eppure, se adeguatamente messi a sistema, rappresenterebbero una risorsa di innovazione per la città. Con ContamiNation intendete proporre una linea guida?

EC: Nessuna linea guida, semmai un’ispirazione, una volontà, un inizio. Roma possiede un incredibile sottobosco creativo. È una città molto vitale culturalmente, pur con le sue note difficoltà. È una città bellissima e chi vive qui ha la capacità – o almeno dovrebbe averla – di sviluppare un’educazione estetica enorme, ma manca spesso il giusto spirito imprenditoriale. In generale trovo ci sia poca condivisione, tutti pensano al proprio: è un peccato, no?

Cappelli Identity Design
Cappelli Identity Design

Alla Rufa avete incontrato diversi studenti e risposto alle loro domande: cosa ne è uscito fuori? Avete consigli da dare ai designer di domani?

LF: Ne è uscito un quadro di grande vitalità. In generale ho detto loro di tenere bene gli occhi aperti, di avere consapevolezza e grande curiosità. E di viaggiare molto.

L’anno prossimo entriamo negli anni ’20 del XXI secolo e molte nuove sfide ci aspettano. Qual è, secondo voi, il ruolo del designer oggi e quali saranno le prossime tendenze?

LF: Il designer è un creativo a servizio dell’industria, a cui presta dedizione e talento (elementi che vanno sempre mano nella mano, uno non vive senza l’altro). Il suo è un lavoro autoriale importante, capace di spostare molto, peccato che talvolta non riesca a farsi ascoltare adeguatamente, o che in altri casi abbia un ego troppo grande. Il design è fondamentalmente condivisione.

Per quanto riguarda le prospettive, non parlerei di tendenze ma di tecnologia. Il design è ormai un fatto dinamico, viaggia principalmente su video e nei team non può più prescindere l’utilizzo dell’animazione. Da Pentagram, ad esempio, trattiamo il visual design commerciale alla stregua di un lavoro elevato, culturalmente rilevante. Pensate a Massimo Vignelli (1931-2014): negli anni ’70 era considerato corporate, oggi è sinonimo di qualità.

È da poco arrivata a studio un’altra italiana di talento: Giorgia Lupi, recentemente nota al pubblico per il suo intervento alla mostra Broken Nature in Triennale curata dalla Antonelli.

LF: Sì, Giorgia è diventata recentemente partner nella sede di New York. Siamo gli unici due creativi italiani da Pentagram! Stando in team separati non lavoriamo a stretto contatto ma la stimo, è un’ottima designer.

Giulia Mura 

www.cappellidesign.com/en
lorenzofanton.com
www.pentagram.com
vertigodesign.it
www.unirufa.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Mura
Architetto specializzato in museografia ed allestimenti, classe 1983, da anni collabora con il critico Luigi Prestinenza Puglisi presso il laboratorio creativo PresS/Tfactory_AIAC (Associazione Italiana di Architettura e Critica) e la galleria romana Interno14. Assistente universitaria, curatrice e consulente museografica, con una forte propensione all'editoria e allo sviluppo di eventi e progetti culturali, per il magazine PresS/T letter e per il format Archilive ha curato una rubrica sui libri d'architettura. È stata caporedattrice per la rivista araba Compasses e da anni collabora come freelance per testate italiane e straniere; con continuità è presente nella versione online e onpaper di Artribune. È co-founder di Superficial, studio creativo di base a Roma che si occupa di ricerca e sviluppo di progetti incentrati su: comunicazione, immagine, architettura, design, cultura, eventi, branding.