Mala tempora currunt. Arte e politica in 10 gadget

Sono gli anni del populismo trionfante, da un lato e dall’altro dell’Oceano Atlantico. E tanti artisti stanno dimostrando di non essere affatto d’accordo. Qui vi diamo dieci spunti di riflessione in tema di gadget. All’insegna del not in my name.

1. WIKIPEDIA MON AMOUR

La maglietta realizzata da ABC – Advisory Board Crystals in collaborazione con Wikipedia

Ti senti un vero “internet master”? Allora la maglietta giusta per te è quella realizzata da ABC – Advisory Board Crystals in collaborazione con Wikipedia. Tutti i proventi vanno a sostenere la fondazione che gestisce l’enciclopedia libera online.

www.advisoryboardcrystals.com

2. TEMPESTE POLITICHE

Parse/Error, Political Lamp

Ogni volta che Donald Trump scrive un tweet, una piccola tempesta di parole si scatena, online e offline. La Political Lamp, ideata dall’artista francese Parse/Error, simula questo “temporale politico” dentro una lampada, con tanto di tuoni e fulmini in miniatura.

http://parseerror.ufunk.net/

3. I HAVE A DREAM

La maschera per dormire che omaggia Martin Luther King

Una maschera per dormire che rende omaggio a uno dei discorsi più famosi di ogni tempo. “I have a dream”, diceva Martin Luther King a Washington nel 1963. Per ricordarsi che non bisogna mai smettere di sognare un futuro migliore, e soprattutto di lottare per realizzarlo.

http://atypyk.com/

4. UNA NUOVA ERA PERSONALE

Time Since Launch

Capita di sentirsi un po’ fuori synch rispetto al resto del mondo. E magari arriva il bisogno di ricominciare, inaugurando una nuova, personale epoca di rinascita. Per aiutarvi nell’impresa c’è Time Since Launch, un orologio che segna il tempo solo a partire dalla data scelta.

www.kickstarter.com/projects/cwandt/time-since-launch

5. ABBIGLIAMENTO TATTICO

Craig Green, Genius Project. Prod. Moncler

Non una semplice giacca a vento ma un vero e proprio sistema di protezione. Con cuscinetti per attutire gli urti e magari anche per galleggiare. Sono i piumini della collezione sperimentale Genius Project di Moncler, disegnati da Craig Green. Perfetti per scenari apocalittici.

www.moncler.com

6. PER ANIME PASSIONARIE

The Good Hurt Fuego

Una confezione di salse piccanti a forma di fascio di dinamite. È The Good Hurt Fuego, gadget immancabile sulla tavola di ogni pasionario che si rispetti. Per gli amanti delle situazioni “incendiarie”.

https://thoughtfully.com/

7. LA FRAGILITÀ DELL’ESISTENZA

I carri armati in ceramica di Oz Biri

È un progetto toccante, quello di Oz Biri, diplomato alla scuola di belle arti Bezalel Academy di Gerusalemme. Il giovane designer ha realizzato una serie di carri armati radiocomandati in ceramica, pronti ad andare in mille pezzi al minimo impatto. Una riflessione sull’assurdità della guerra.

http://2018.bezalel.ac.il/en/industrial-design/oz-biri/

8. SOLUZIONI ESCAPISTE

Jetpack Backpack

Se il presente politico vi deprime troppo e magari pensate che il cambiamento sia impossibile, non resta che progettare la fuga. Magari con lo zaino Jetpack Backpack sulle spalle, pronti a decollare per un altro (si spera migliore) pianeta.

www.suck.uk.com

9. TRUMP SULLA PELLE

Political Swimsuits

L’estate è ormai alle spalle ma per questo tipo di costumi si può sempre fare un’eccezione. Magari indossandoli in piscina oppure usandoli come top. Sono gli assurdi Political Swimsuits, veduti dal sito Beloved Shirts. Qualcuno avrà davvero il coraggio di comprarli?

www.belovedshirts.com

10. DONNE DEL MONDO: COLORATE!

Marie Rivers, The Nasty Woman Resistance Coloring Book

Un inno alla forza femminile e all’unità tra donne. Espresso nella forma insolita del libro da colorare. The Nasty Woman Resistance Coloring Book, disegnato da Marie Rivers, contiene 23 tavole diverse con slogan e frasi ispirazionali.

www.amazon.com

Valentina Tanni

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #45

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.