Apre a New York la grande mostra nel decennale dalla morte di Ettore Sottsass. Al Met Breuer

Dal 21 luglio all’8 ottobre, il museo di New York, distaccamento nell’Upper East Side del Metropolitan, offre uno sguardo inedito sulla figura di Ettore Sottsass con una grande mostra.

È italiana l’estate del Met Breuer, il distaccamento del Metropolitan Museum of Art di New York nell’Upper East Side. Dal 21 luglio all’8 ottobre, infatti, il museo apre una grande mostra dedicata a Ettore Sottsass, nel decennale dalla sua scomparsa. Nato nel 1917, morto nel 2007, Sottsass è stato uno degli architetti e dei designer più illustri della scena italiana, ma anche una figura che ha saputo ispirare profondamente il resto del mondo per oltre sei decenni.

LA MOSTRA

La mostra spazia dai disegni alle ceramiche, dagli arredi all’interior design, con oggetti, foto, dipinti, progetti. Il tutto in costante dialogo con le immagini della storia che lo hanno ispirato o con gli oggetti che sono nati grazie alla sua influenza, con l’obiettivo di offrire uno sguardo fresco e inedito sul suo lavoro. La mostra apre in concomitanza con la chiusura dell’esposizione Le stanze del vetro , omaggio di Venezia, sull’Isola di San Giorgio, al designer. Ecco una fotogallery che celebra il grande Ettore e un video che racconta la mostra a New York.

Santa Nastro

Met Breuer
945 Madison Ave, New York, Stati Uniti
www.metmuseum.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.