Bologna Design Week. Focus sulla ceramica e sulla creatività dall’Oriente

Una mostra su Mimar Sinan, architetto ottomano del XVI secolo, è il clou della seconda edizione del programma di eventi che accompagna in città CERSAIE, il salone della ceramica.

Carapace Project alla Bologna Design Week

Per una settimana, in concomitanza con CERSAIE (Salone della Ceramica e l’Arredo Bagno), la Bologna Design Week 2016, mette in scena dal 28 settembre al 1 ottobre la sua seconda edizione. Design e creatività, formazione e mondo produttivo si incontrano a Bologna: una scansione di eventi fittissima presenta un programma di mostre e incontri da Palazzo Pepoli, Museo della Storia di Bologna, a Palazzo Isolani, da Palazzo de’ Toschi al Teatro Anatomico dell’Archiginnasio, dall’ex Ospedale dei Bastardini a Palazzo Hydra, da Galleria Cavour all’ex Atelier Corradi. La cultura del progetto è inserita anche in gallerie e showroom con percorsi tematici che, a partire da quest’anno, riveleranno location inedite, adattate a accogliere mostre, workshop, esposizioni, presentazioni di volumi, conferenze e dibattiti sul design aperti al pubblico, con lo scopo di riunire le eccellenze culturali, produttive, distributive e creative del territorio e non solo.

UNO SGUARDO A ORIENTE
Un esempio, fra i molti altri: gli ambienti settecenteschi di Palazzo Isolani accoglieranno l’allestimento di Valmori Ceramica Design, in cui l’arte della ceramica artigianale e tradizionale viene rivisitata in chiave contemporanea; Gupica, sigla artistica di Gunilla Zamboni, presenta Oriental Scenaries, in collaborazione con le aziende Wall&decò e Visionnaire; Geberit e Pozzi- Ginori combinano in un’installazione concettuale lavabi e vasi iconici; Camisa 11 presenta arredi in cartone, arricchiti da altri materiali, come legno, vetro e pietra; il team Tideo di trendwatcher, designer e specialisti di materiali, insieme al Politecnico di Milano, Scuola di design, allestisce i progetti degli studenti, esito del workshop “Tatuare gli spazi – la nuova decorazione nell’interior design”, all’insegna della reinterpretazione dei materiali e degli stili. In Piazza Maggiore a Bologna si svolge la mostra Sinan: the First Starchitect, nata dalla ricerca di alcuni architetti inglesi sulle opere dell’architetto ottomano Mimar Sinan. Palazzo Zabeccari ospita invece dal 26 settembre al 1 ottobre 2016 A’ Design Award & Competition, le più belle opere di design del 2015-2016. L’esposizione presenterà i progetti vincitori provenienti da 66 paesi e le opere racconteranno il processo creativo attraverso disegni, prodotti e prototipi. Cento classiche sedute in miniatura, poi, si possono vedere fino al 2 ottobre 2016 a Palazzo Pepoli. La mostra Miniatures Exhibition introdurrà al pubblico le sedute realizzate nel periodo che va dagli inizi della produzione industriale dell’Ottocento fino ai giorni nostri.

L’INSTALLAZIONE ALLA VELOSTAZIONE
Non manca infine, in questo vasto programma di eventi, anche il coinvolgimento di studi e designer cittadini chiamati ad esprimere le istanze creative del territorio e a lavorare sulle sue potenzialità inespresse. Tra questi, Efesti Art Makers Store accompagnerà dieci designer italiani presso lo studio Gianni Tomba Design in centro città a Bologna. Ancora, il collettivo di architettura Laprimastanza metterà in mostra le idee per la nuova immagine degli spazi della Velostazione di Bologna. L’istallazione avrà lo scopo “di far conoscere il nuovo progetto, un esercizio di progettazione partecipata sul nuovo design del Pincio per confermarlo come un nuovo spazio dell’identità pubblica di Bologna”.

– Ginevra Bria

28 settembre – 1 ottobre 2016
Bologna Design Week
www.bolognadesignweek.com

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. È specializzata in arte contemporanea latinoamericana.