Salone del Mobile. Anteprime d’autore

Soffocato da allestimenti protagonisti, accerchiato da eventi sfarzosi, buttato in pasto, talvolta prematuramente, al circuito mediatico: a dispetto di un sistema design che a tratti sembra fagocitarlo, il prodotto rimane ancora il baricentro su cui si orienta ed evolve il Salone del Mobile. Abbiamo curiosato tra le immagini in anteprima dei prodotti esposti alla design week milanese. Anzi, lo ha fatto per noi il designer Sebastiano Tonelli.

Samy Rio, Bamboo - prod. Logotel
Samy Rio, Bamboo - prod. Logotel

TAPPETI CONTAMINATI
Se bastasse una sola parola per descrivere il lavoro di DimoreStudio, sarebbe contaminazione. Uno stile fortemente personale che unisce arte, design, moda e una ricerca inconfondibile sui materiali. Tutto questo lo si ritrova nella nuova collezione Paralleli per Golran, tappeti che accostano motivi grafici e suggestioni di diverse epoche, dal barocco all’astrattismo fino al minimalismo. Mondi differenti fatti di colori, texture, rivisitazioni personali di disegni indiani combinati tra loro con inserti metallici e spesse cuciture.
www.golran.com

Hagit Pincovici, From Above
Hagit Pincovici, From Above

ESTETICO CONTEMPORANEO
La designer israeliana Hagit Pincovici si presenta al Salone con le collezioni Metaphysics ed Eclipse: tavoli, librerie, consolle e sedute nate dalla collaborazione con le maestranze italiane della Brianza. Pezzi raffinati e aerei mettono in risalto la struttura, isolata e integrata, che diventa il fil rouge – o meglio l’ottone – dell’intero progetto. I colori decisi e le finiture pregiate hanno rimandi classicistici ma i profili e le composizioni sono del tutto contemporanee.
www.hagit-p.com

Bertjan Pot, Utrecht 1935-2016 - prod. Cassina
Bertjan Pot, Utrecht 1935-2016 – prod. Cassina

ARTE E DESIGN A BRACCETTO
Cassina, sotto la nuova direzione creativa di Patricia Urquiola, presenta una rivisitazione della poltrona Utrecht del 1935 avvalendosi di Bertjan Pot. L’artista designer ha disegnato Boxblocks, un tessuto Jacquard ispirato alla forma modernista della poltrona e realizzato con un’innovativa lavorazione a controllo numerico. Triangoli, colori e composizioni mai ripetute vanno a vestire ad hoc il suo profilo offrendo un’interpretazione fresca e contemporanea di un classico senza tempo.
www.cassina.com

Laura Wood, Bethan Wood - prod. Bitossi Ceramiche
Laura Wood, Bethan Wood – prod. Bitossi Ceramiche

NUOVI PATTERN PER BITOSSI
Bethan Wood è il nuovo progetto di Laura Wood per Bitossi Ceramiche. Una decorazione che ha come protagonista la superficie, trattata prima con l’incisione a mano e poi con il colore, dando vita a un duplice linguaggio tridimensionale. Il pattern, riproducibile all’infinito e in diversi colori, è dichiaratamente ispirato alle forme degli Anni Cinquanta e Settanta ma il rimando ai motivi tribali africani risulta immediato.
www.bitossiceramiche.it

Scholten & Baijings - prod. Karimoku New Standard
Scholten & Baijings – prod. Karimoku New Standard

IL LEGNO SECONDO KARIMOKU
Karimoku New Standard, brand giapponese specializzato nella lavorazione del legno, arricchisce una collezione che unisce abilità artigianale, tecniche odierne e diversi designer, tra i quali il duo olandese Scholten & Baijings. Estrema pulizia formale, legno naturale e tinte calde caratterizzano i vari pezzi, con un occhio di riguardo anche alla sostenibilità, essendo realizzati con legni duri molto spesso scartati.
www.karimoku-newstandard.jp

Mart Stam, S 33 N - ©Thonet Design Team, Miriam Püttner
Mart Stam, S 33 N – ©Thonet Design Team, Miriam Püttner

A TUTTO COLORE
Riproporre pezzi storici del design non è facile ma Thonet, con i propri in tubolare di epoca Bauhaus, ci è riuscita benissimo. La nuova collezione Thonet All Season vede, fra le altre, la sedia a sbalzo S 33 N di Mart Stam, la poltrona lounge di Breuer e la sedia cantilever di Mies van der Rohe riproposte in sette colori ispirati alla teoria di Itten. Dodici le ulteriori tonalità disponibili per i tessuti e le imbottiture che vanno a personalizzare dei profili iconici, rendendoli attuali come non mai.
www.thonet.de

Samy Rio, Bamboo - prod. Logotel
Samy Rio, Bamboo – prod. Logotel

LA POETICA DEL DESIGN
In Zona Lambrate, ventuno designer riuniti da Logotel nella mostra Poetry – 21 words for… (a cura di Susanna Legrenzi e Stefano Maffei) presentano una raccolta di progetti che portano con sé l’intensità della poesia, aprendo nuovi scenari di riflessione. Tra i tanti, Samy Rio con Bamboo, uno studio che mette in relazione natura e design indagando le potenzialità del bambù e la possibilità che questo possa sostituire componenti plastici e metallici nella vita quotidiana.
www.designpoetry.it

Baldessari e Baldessari, zigozago - prod. Lagoon
Baldessari e Baldessari, zigozago – prod. Lagoon

DA TAIWAN CON FURORE
Lagoon, brand taiwanese di arredi in plastica, si presenta per la prima volta al Salone avvalendosi della collaborazione di uno studio italiano, Baldessari e Baldessari. Assieme presentano zigozago, una nuova seduta dal profilo accattivante che trae ispirazione dalle nervature delle foglie e si lascia contaminare anche dal mondo della sartoria. La cover per lo schienale in diversi tessuti, colori e finiture ne permette la personalizzazione, rendendola adatta per interno ed esterno.
www.spaziocernaia.com

Sebastiano Tonelli

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #30 – speciale design

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Sebastiano Tonelli
Classe 1990, Sebastiano Tonelli è un designer nato in Trentino ma milanese d’adozione. Curioso, testardo e inguaribile perfezionista, ama il design essenziale e la cura del dettaglio, lavorando a stretto contatto con i materiali. Si laurea in product design alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano ed espone i suoi progetti in varie città fra cui Milano, Torino, Firenze e Parigi. Interessato anche ad altre sfaccettature del mondo del progetto, si occupa della veste grafica di alcune mostre e collabora con la rivista Artribune dal 2014.