Nuova vita allo storico Autogrill di Villoresi Ovest

Entro l’autunno 2020 la struttura progettata nel secondo dopoguerra dall’architetto Angelo Bianchetti lungo l’Autostrada dei Laghi sarà ricostruita. L’annuncio arriva dal Gruppo Autogrill, che per gli interni sta sviluppando un nuovo concept.

Villoresi Ovest
Villoresi Ovest

Cantiere edile in progress lungo l’Autostrada dei Laghi Milano-Varese, finita nei giorni scorsi nell’occhio del ciclone in seguito alla notizia della parziale demolizione dell’Autogrill di Villoresi Ovest. Progettato dall’architetto Angelo Bianchetti e aperto al pubblico nel 1958, l’edificio sarà ricostruito “con tutti i più moderni standard edilizi, in linea con le normative di sicurezza e antisismiche attualmente vigenti, grazie a una serie di interventi mirati a migliorare la struttura e ottimizzarla dal punto di vista estetico ed energetico”, fa sapere il Gruppo Autogrill nella nota diffusa oggi stesso. In corso da alcuni mesi, i lavori dovrebbero terminare entro l’autunno 2020, quando si prevede verrà ultimato l’intervento, definito di “ricostruzione conservativa del design originale”.

UN INTERVENTO NEL NOME DELLA SOSTENIBILITÀ

L’operazione intrapresa coinvolge marginalmente i tre archi bianchi che identificano la struttura, al di sotto dei quali sorgeva l’edificio a forma di tronco di cono: per quanto riguarda l’avveniristico e slanciato tripode, non oggetto dello smantellamento, si apprende infatti che sarà dotato di un nuovo impianto di illuminazione. La ricostruzione riguarderà il punto ristoro vero e proprio, per il quale Autogrill ha annunciato che impiegherà “materiali moderni e ad alta efficienza energetica, come i vetri a doppia camera con pellicole filtranti per i raggi UV”. Negli spazi interni, oltre a un rivestimento ceramico in grado di purificare l’aria, in modo tale da “prevenire presenze batteriche e micotiche e rendere l’ambiente naturalmente sano e igienizzato”, debutterà un nuovo concept, che è stato concepito come un omaggio al 1958, l’anno di apertura dell’edificio di Bianchetti.

Courtesy By Andrea Langhi Design
Courtesy By Andrea Langhi Design

ARCHITETTURE EMBLEMATICHE DELLA RINASCITA ITALIANA

In attesa di ulteriori dettagli sul percorso di rinnovamento avviato nello storico complesso, celebre anche per essere finito sulla copertina di un numero di Lifenegli anni Sessanta, il progetto rappresenta l’occasione per un’introduzione al tema della cosiddetta “architettura degli Autogrill”. Si tratta di un ambito della progettazione in cui negli anni della ricostruzione e del boom economico operano vari progettisti, seguendo l’intuizione imprenditoriale di Mario Pavesi, mutuata dall’esperienza statunitense. Significativa, in questo specifico settore, fu la parabola professionale di Angelo Bianchetti, al quale oltre al Villoresi Ovest si devono decine di interventi lungo l’infrastruttura autostradale italiana. Tra questi, è impossibile non citare l’Autogrill di Fiorenzuola d’Arda. “Agile e ardito, sorto per soddisfare le esigenze sempre crescenti dell’automobilista moderno”, fu inaugurato un anno dopo la struttura situata lungo l’A8 ed è passato alla storia come il primo punto di ristoro autostradale a ponte eretto in Europa. Un simbolo del processo di modernizzazione dell’Italia di quel decennio, senza dubbio, ma anche il riflesso della volontà di dotare il paesaggio italiano di strutture coraggiose, sperimentali, innovative. E di una profonda fiducia verso l’architettura e i suoi professionisti.

-Valentina Silvestrini

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.