Ecco come sarà coperta l’Arena di Verona. Vince il progetto tedesco di SBP e GMP

Sarà realizzato un “ombrello” capace di garantire gli spettacoli anche durante i giorni di pioggia. Le polemiche impazzano da mesi, ma già i romani usavano coprire le arene

Del progetto di copertura dell’Arena di Verona ne parlammo nella scorsa primavera quando fu lanciato il concorso internazionale di idee, riportando i termini generali della questione e dando conto delle immancabili polemiche che già stavano serpeggiando. Un “ombrello” capace di garantire gli spettacoli anche durante i giorni di pioggia: soluzione del resto già in uso fra i romani, che prevedevano una copertura mobile, chiamata velarium, per proteggere gli spettatori da sole e pioggia, come ricordava il nostro Luigi Meneghelli. Ora il concorso, finanziato con 100mila euro da Sandro Veronesi, patron del Gruppo Calzedonia, ha annunciato i suoi esiti: e il primo posto – premiato con 40mila euro – è toccato soluzione proposta da RTI SBP e GMP Stoccarda/Berlino (Germania). Seconda piazza – 20mila euro – per RTI capogruppo Vincenzo Latina (Siracusa), terza – 10mila euro – RTI capogruppo Roberto Gianfranco Maria Ventura (Codogno – Lodi). Li vedete nella galleria, che ne pensate?

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.