Cresce in Germania la nuova Kunsthalle Mannheim. Ecco le immagini del progetto di GMP

È attesa per la fine del 2017 l’apertura del nuovo edificio della Kunsthalle di Mannheim, un intervento che porta la firma dello studio tedesco von Gerkan, Marg und Partner (GMP), vincitore del concorso internazionale al quale avevano partecipato 29 studi

La nuova Kunsthalle Mannheim (foto von Gerkan, Marg und Partner)

Il nuovo edificio porta la firma dello studio tedesco von Gerkan, Marg und Partner (GMP), vincitore del concorso internazionale al quale avevano partecipato ben 29 studi. Con una superficie di quasi 13.800 mq, la struttura in costruzione incrementerà notevolmente gli spazi espositivi della Kunsthalle di Mannheim, istituzione attiva sul fronte dell’arte moderna e contemporanea.
Con una volontà di connettersi alle dinamiche urbane e all’identità architettonica della città tedesca, situata nel land del Baden-Württemberg, la struttura si articola in sette blocchi distinti, ciascuno con specifiche caratteristiche per quanto riguarda le dimensioni e l’illuminazione. Tutti sono posizionati attorno a un atrio centrale di 700 mq; provvista di una grande copertura in vetro, la struttura funzionerà in maniera autonoma rispetto al programma espositivo, proponendosi come nuovo spazio pubblico per l’intera comunità.
I volumi per la attività culturali incarnano il concetto di flessibilità e con il loro susseguirsi di forme intendono rendere omaggio all’assetto urbanistico di Mannheim, di epoca barocca. Prendendo le distanze da un’interpretazione museale rigida, la nuova Kunsthalle consentirà ai visitatori di sperimentare varie modalità di utilizzo dei diversi volumi, raggiungibili da una pluralità di accessi che comprende ponti, passerelle e terrazze. L’apertura è attesa per la fine del 2017: intanto ecco qualche immagine…

Valentina Silvestrini

www.kunsthalle-mannheim.de

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.