Al via OAT 2013, la Triennale di Oslo

È il più importante festival di architettura della penisola scandinava. Sotto il titolo “Behind the Green Door”, riflessioni a tutto campo fino al 1° dicembre.

OAT 2013 curators Rotor

Avrebbe dovuto essere sostenibile, e poi? È questa l’irriverente domanda lanciata attraverso l’evento di punta della Triennale di Architettura di Oslo dai giovani professionisti del collettivo belga Rotor, curatori della quinta edizione, al via nella capitale norvegese. Nella mostra Behind the Green Door, infatti, 600 “oggetti”, ideati, prodotti (e spesso finanziati) per rispondere a vario modo alla più nota definizione di sostenibilità, quella contenuta nel Rapporto Brundtland del 1987, svelano alcune delle storie celate dietro l’aspirazione verso un altro modello economico e abitativo, senza tralasciare il ruolo giocato dal business e della politica. Modelli, prototipi, video, immagini digitali, software, opuscoli pubblicitari, campionari di materiali e molto altro: un corpus eterogeneo concorre a formare un’inedita raccolta, frutto della ricerca del team di Rotor, selezionato tra oltre venti candidati per la curatela di OAT 2013.

Nordic Built Arena, February 2012 - (c) Nordic Built
Nordic Built Arena, February 2012 – (c) Nordic Built

Fino a dicembre il programma della Triennale, sviluppato in sinergia con i redattori della rivista francese Criticat, prevede anche seminari, workshop, incontri pubblici, presentazioni di libri e una serie di visite guidate, a piedi, in battello e in bicicletta, alla scoperta di edifici e infrastrutture realizzate negli ultimi anni in città.

Valentina Silvestrini

http://oslotriennale.com/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.