10 oggetti per questi tempi incerti

Dal gioco del ciclo alla felpa per introversi al puzzle del “New York Times”, una selezione di oggetti da tenere a portata di mano in questa epoca complessa.

Una collezione di oggetti di design dedicata all’universo femminile. Si chiama Design Innovations for Women ed è un’iniziativa lanciata nel mese di agosto dal MoMA di New York.
I prodotti che fanno parte della collezione, disponibili per l’acquisto sia online che nello store di SoHo, sono oggetti innovativi che si posizionano nell’area della sessualità, della riproduzione e dell’attività fisica. “I progetti di design incentrati sul mondo delle donne sono emersi in risposta a questioni che sono state tradizionalmente tabù per decenni. I temi della sessualità e del benessere in relazione al corpo femminile sono ancora troppo spesso evitati e sottorappresentati nel mainstream. Per questo vogliamo far emergere e diffondere i migliori nuovi esempi di questo settore”, ha affermato Chay Costello, direttore associato del merchandising al MoMA.
Fra le tante proposte, c’è anche un insolito gioco da tavolo chiamato The Period Game, realizzato grazie a una campagna di crowdfunding partita nel 2019. Si tratta di uno strumento educativo di grande interesse, che unisce l’aspetto ludico con quello educativo, aiutando i più giovani a parlare apertamente di un argomento spesso troppo poco conosciuto e discusso come le mestruazioni, e più in generale, l’apparato sessuale femminile.

store.moma.org
€ 41,95

Valentina Tanni

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #56

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

1. ABBIGLIAMENTO SILENZIOSO

Danielle Baskin, Mute Hoodie

Danielle Baskin, designer di San Francisco specializzata in “oggetti distopici trendy”, ha creato una felpa dedicata al popolo degli introversi, la Mute Suit. Sul cappuccio, che va indossato rigorosamente al contrario, sono infatti disegnati i simboli del “muto”, sia audio che video. Al momento è solo un prototipo ma, visto il successo, potrebbe diventare presto acquistabile.

daniellebaskin.com

2. MASCHERINE PER IDIOTI

Austin Wolf Sothern, Nose Mask

Nonostante le linee guida in materia siano molto chiare, si vedono ancora tante persone in giro con la mascherina calata sotto il naso. Ironizza su questa pratica, che rende di fatto vano il presidio sanitario, il comico e scrittore americano Austin Wolf-Sothern, che propone una mascherina con il naso disegnato sopra: “Per tutte le persone che vogliono proteggersi continuando a sembrare degli idioti”.

nosemask.threadless.com
$ 12

3. QUOTIDIANI COMPONIBILI

New York Times Puzzle

Per gli amici appassionati di storia contemporanea, oppure per celebrare un anniversario in modo originale, il puzzle personalizzato del New York Times è un’idea regalo niente male. Potete infatti scegliere di ricevere a casa la versione componibile della copertina del quotidiano americano – da 300, 500 o 1.000 pezzi – di qualsiasi data, dal 1851 a oggi.

store.nytimes.com
$ 50

4. VIETATO TOCCARE

David Shrigley, Don’t Touch Travel Tumbler

Non toccare la mia roba. O la mia faccia, o le mie mani”. Questa è l’ironica scritta che campeggia sulla borraccia/termos disegnata da David Shrigley per il negozio online Third Drawer Down. L’artista inglese, famoso per i suoi irresistibili disegni infantili, firma così un oggetto a tema pandemico, invitando tutti alla cautela in modo divertente.

thirddrawerdown.com
$ 58

5. L’ORA DEI BAMBINI

Paul Baut, Daycare at Home Watch

La crisi sanitaria del Covid-19 ha costretto milioni di bambini in tutto il mondo a sospendere la frequenza delle scuole, demandando le attività educative alla famiglia. Per facilitare la gestione del tempo dei più piccoli in casa, magari mentre si lavora in smart-working, il designer Paul Baut propone il prototipo di un orologio che scandisce e ricorda le varie attività della giornata in modo comprensibile e divertente.

paulbaut.com

6. IL GIRO DEL MONDO IN RADIO

Around the World City Radio

Collegando questa speciale cassa a una app per smartphone, è possibile ascoltare una selezione di 18 stazioni radio provenienti da tutto il mondo: da Tokyo a Buenos Aires, passando per Istanbul, Jakarta e San Paolo. Un viaggio sonoro in giro per il globo che è anche un gioco, grazie a un sistema di sintonizzazione manuale deliziosamente vintage.

uncommongoods.com
€ 101,45

7. I COLORI DELLA PIETRA

Studio Unto, Color Gem

L’aspetto richiama in tutto e per tutto quello dei minerali raccolti in mezzo alla natura, ma in realtà si tratta di elegantissimi colori a cera. I Color Gem dello Studio Unto arrivano a casa in una scatola da quattro e man mano che li si utilizza la forma cambia, avvicinandosi sempre più a quella delle vere pietre. Il risultato sul foglio, fatto di scie multicolore, è altrettanto affascinante.

studiounto.com/shop
$ 34

8. LA LAMPADA CHE LEGGE

Clova Lamp

L’azienda tecnologica sud-coreana Naver Corp ha sviluppato – ma ancora non è sul mercato – una lampada molto speciale chiamata Clova Lamp. Si tratta di un device che non solo illumina delicatamente la stanza dei bambini prima della nanna, ma si occupa anche di leggere i loro libri ad alta voce. L’intelligenza artificiale è anche in grado di rispondere alle domande sul significato delle parole.

navercorp.com

9. ERRORI DI CARTA

Monya, Error Cards

L’artista giapponese Monya ha creato un particolarissimo mazzo di carte in cui tutti i cartoncini riproducono un messaggio di errore di Windows XP. Sul retro ci sono delle informazioni dettagliate su come trovare una misteriosa carta jolly (il Joker), che permette di vincere il gioco. Per scoprire di cosa si tratta bisogna però andare su Wikipedia…

monyaizumi.stores.jp
¥ 2.500

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.