Parola a Daniel e Mathieu Templon, due generazioni a confronto alla direzione della Galerie Templon di Parigi. La trovate proprio vicino al Pompidou.

In Rue Beaubourg, a Parigi, a un paio di isolati dal Centre Pompidou, si trova la Galerie Templon, tra le più longeve gallerie d’arte internazionali. In occasione della ristrutturazione dello storico spazio, che la ospita dal 1972, quando la galleria lasciò Saint-Germain-des-Prés per trasferirsi nel quartiere del Marais, abbiamo intervistato il fondatore Daniel Templon, e il figlio Mathieu, attuale direttore.

INTERVISTA A DANIEL TEMPLON

La Galerie Templon vanta oltre cinquant’anni di supremazia nel mondo dell’arte con sedi a Parigi e Bruxelles. Si dice che la nostalgia non sia affascinante, tuttavia lei ha certamente conosciuto una grande varietà di tendenze artistiche e stili durante questo lungo periodo di attività. C’è qualcosa che le piacerebbe rivalutare oggigiorno?
Nonostante sia nel mondo dell’arte dal 1966, la nostalgia non fa parte del mio vocabolario. Sono interessato a riesaminare alcuni artisti del passato accuratamente selezionati solo quando sento che sono ingiustamente sottovalutati o hanno bisogno di maggiore visibilità. Questo è stato il caso di Jules Olitski, George Segal oppure oggi di Edward Kienholz. Desidero promuovere questi artisti perché gettano una luce potente su ciò che sta succedendo oggi. Credo che il mondo dell’arte contemporanea a volte non abbia memoria. Si vedono così tanti artisti giovanissimi che creano reiterazioni del passato, spesso per ignoranza. È importante portare alla ribalta artisti significativi degli ultimi quarant’anni e creare un dialogo con le giovani generazioni. Ci aiutano a dare un senso alla storia dell’arte in divenire.

Come è riuscito nel corso degli anni ad adattare la sua offerta, nonché a riconoscere e suggerire il perfetto “pezzo mancante” ai suoi clienti per la loro collezione?
Mi interessa meno la nozione di collezione che la nozione di “grande artista”. Cerco nuovi talenti, artisti che abbiano il potenziale per avere davvero un impatto sui confini dell’arte e della cultura nel loro insieme. Ho avuto l’onore di esporre così tanti artisti famosi, da Donald Judd a Robert Rauschenberg, Willem de Kooning, Jean-Michel Basquiat, Richard Serra, Roy Lichtenstein, Robert Motherwell, Andy Warhol e Keith Haring. Il mio programma è stato spesso visto come “eclettico”, ma credo che questo sia il punto di forza della galleria. Una collezione unica è quella che si basa su una visione personale e su una raccolta soggettiva di capolavori di alcuni dei migliori artisti del tempo, indipendentemente dalle tendenze o dalla moda. Come gallerista, il mio ruolo è cercare di individuare gli artisti più innovativi della nostra epoca, nutrirli, collocare il loro lavoro in collezioni museali o mostre. Il tempo e la storia faranno il resto.

Kienholz, The Pool Hall, 1993. Photo Bertrand Huet © Courtesy Templon, Parigi Brussels
Kienholz, The Pool Hall, 1993. Photo Bertrand Huet © Courtesy Templon, Parigi Brussels

IL SUCCESSO DELLA GALERIE TEMPLON

Qual è il segreto della lunga carriera della Galerie Templon?
Quando ho iniziato avevo solo 21 anni e sapevo molto poco di arte. Non avevo ricchezza, nessuna connessione, nessun preconcetto su ciò che l’arte dovrebbe essere o non essere. Questa freschezza è stata la mia più grande risorsa e oggi cerco il più possibile di mantenere viva questa energia intuitiva della mia giovinezza. La mia galleria ha superato diverse crisi. Dopo la crisi petrolifera del 1974, ho dovuto chiudere la mia galleria di Milano. Quando la prima guerra in Iraq è scoppiata nei primi Anni Novanta e il mercato dell’arte è crollato, ho semplicemente scelto di chiudere la mia sontuosa galleria in Avenue Marceau. Nel 1972 sono tornato nei miei quartieri storici nel Marais, vicino al Centre Pompidou. Ogni volta la galleria si è adattata. Oggi, con la crisi Covid e il divieto di viaggiare, ho deciso di concentrarmi sui nostri spazi parigini. Abbiamo completamente rinnovato il nostro spazio in Rue Beaubourg e continuiamo a programmare mostre di qualità museale. Non ci sono segreti. Devi adattarti alle circostanze, con apertura mentale e determinazione.

“Possedere ed essere posseduti”: è d’accordo che la duplicità di questo approccio sia la peculiarità chiave del collezionismo?
In realtà no, non sarei d’accordo. Come ho spiegato prima, il possesso non è al centro della mia passione per l’arte. Mi piace scoprire artisti e aiutarli a costruire carriere di successo.

In che modo la sempre maggiore diffusione del linguaggio digitale nel mondo dell’arte influisce sul suo lavoro? Ai tempi del Covid-19, pensa che le esperienze online di fiere d’arte, mostre, archivi e così via possano effettivamente sostituire quelle reali?
Abbiamo sempre avuto una buona presenza su Internet, con un ottimo sito web che documenta oltre 600 mostre dal 1966 e una presenza su artnet o Artsy sin dai loro inizi, oltre un decennio fa. Con l’attuale crisi, abbiamo sviluppato visite virtuali delle nostre mostre attraverso una sala di visione digitale. Francamente non credo che questo sostituirà mai l’esperienza di vedere le opere d’arte dal vivo. Promuovo molti pittori, come Norbert Bisky, Francesco Clemente, Kehinde Wiley o Gérard Garouste. Con il loro lavoro bisogna sentire la sensualità della pennellata, la luce sulla superficie, la scala della tela. Hai bisogno di intimità con il pezzo reale. Anche se la tecnologia migliora, non potrà mai sostituire i brividi e il piacere che provi con un’opera d’arte davanti ai tuoi occhi. Questa è la magia dell’arte.

Mathieu Templon
Mathieu Templon

INTERVISTA A MATHIEU TEMPLON

Suo padre, Daniel Templon, è stato definito da molti un “anticonformista” e un “acquirente audace”. Cinquant’anni fa a Parigi ha dato vita a una galleria con uno stile e un approccio unici. Come direttore, la sua strategia segue questo stesso percorso? L’assunzione di rischi è ancora possibile nel mercato dell’arte contemporanea? Quali sono stati, secondo lei, i principali cambiamenti nel mercato dell’arte da quando ha assunto il ruolo di direttore?
La vocazione del commercio d’arte si basa sull’imprenditorialità. Proprio come per tutte le professioni imprenditoriali, l’assunzione di rischi è intrinseca, e tanto più nell’arte contemporanea. In qualità di commerciante d’arte, la scelta di un artista sarà sempre un rischio di per sé, a meno che, ovviamente, non rappresenti solo artisti Blue Chip. La natura stessa del nostro lavoro è trovare nuovi talenti, supportarli e fornire loro l’aiuto di cui hanno bisogno per andare il più lontano possibile nella loro carriera. In passato, potevi essere un rivenditore di successo solo con passione e una solida conoscenza. Oggi queste qualità da sole non sono più sufficienti. Un mercante d’arte ha bisogno di navigare tra attori sempre più potenti e influenti. Il livello di concorrenza è tale che dobbiamo essere sempre un passo avanti, trovare nuovi artisti, sviluppare nuovi spazi espositivi, partecipare a fiere internazionali, conquistare nuovi mercati… È una vera corsa.

COLLEZIONISMO E GLOBALIZZAZIONE

Prima di diventare direttore della Galerie Templon a Bruxelles, ha lavorato a New York presso la galleria Sean Kelly. Considera il ​​mondo dell’arte come un ambiente sinceramente globalizzato o pensa che esistano differenze tra il modo in cui gli americani e gli europei si rapportano all’arte e al collezionismo?
Storicamente, il mercato americano è sempre stato più strutturato e dinamico di quello europeo. I collezionisti americani sono audaci, acquistano con grande frequenza e di consueto si tratta di pezzi più grandi dei loro coetanei europei. In Europa, con alcune eccezioni, i collezionisti sono solitamente più cauti, sia negli importi spesi per le opere, sia nella scelta degli artisti supportati.
I collezionisti e le istituzioni culturali americane sostengono da tempo la creazione locale, il che spiega perché gli artisti americani sono, ancora oggi, tra i più apprezzati nel mercato mondiale. In Europa, solo i tedeschi, gli svizzeri e gli inglesi furono in grado di ottenere lo stesso risultato, anche se in misura minore.
Oggi il mercato tende a essere sempre più globalizzato e gli interessi dei collezionisti vanno oltre i confini. Con l’aumento del numero di fiere e vendite internazionali, il mercato è in espansione. Sta diventando più facile per noi far conoscere i nostri artisti in tutto il mondo.

Abdelkader Benchamma, Trees of Miracle – Souffle, 2020 © Courtesy Templon, Parigi-Brussels
Abdelkader Benchamma, Trees of Miracle – Souffle, 2020 © Courtesy Templon, Parigi-Brussels

La mostra in corso alla Galerie Templon Paris ospita Edward e Nancy Kienholz. La loro ricerca artistica è “una feroce critica alle disfunzioni della società americana”. Qual è, secondo lei, la rilevanza del loro lavoro nella nostra cultura contemporanea?
È innegabile che il lavoro di Kienholz affondi le sue radici nel dibattito sociale e culturale contemporaneo. Le opere della nostra mostra affrontano questioni importanti, che ruotano attorno a quattro temi: lo sfruttamento delle donne, la guerra, la religione e il consumismo sfrenato. Questa critica è iniziata più di quarant’anni fa: al tempo si riponeva speranza in un miglioramento futuro della situazione. Purtroppo le notizie quotidiane, il dibattito politico e sociale che stiamo affrontando in questo momento ci ricordano, ogni giorno, che stiamo ancora assistendo allo stesso tipo di problemi e pertanto il lavoro di Kienholz è più pertinente e rilevante che mai. Anche se il loro lavoro è sia violento che crudo, tale violenza è necessaria al fine di capire la cultura americana di oggi e la nostra cultura globale più in generale.

Elena Arzani

Parigi
GALERIE TEMPLON
30 Rue Beaubourg
28 Rue du Grenier Saint-Lazare
Bruxelles
Veydtstraat 13A
www.templon.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Elena Arzani
Elena Arzani, art director e fotografa, Masters of Arts, Central St. Martin’s di Londra. Ventennale esperienza professionale nei settori della moda, pubblicità ed editoria dell’arte contemporanea e musica. Vive a Milano e Londra.