Il nuovo corso di Fondazione Palazzo Magnani a Reggio Emilia. Che parte dal Comitato Scientifico

Svolta a Reggio Emilia: presentato il nuovo Comitato Scientifico di Palazzo Magnani all’insegna dell’innovazione. Tra i nomi Marco Belpoliti e Walter Guadagnini, verso Fotografia Europea 2018.

La Conferenza Stampa a Palazzo Magnani
La Conferenza Stampa a Palazzo Magnani

Interdisciplinarietà e contaminazioni di saperi sono le parole chiave del nuovo corso della Fondazione Palazzo Magnani, che si è presentato alla città con un rinnovato progetto culturale e un innovativo comitato scientifico composto da cinque personalità del settore. “Il comune di Reggio Emilia ha deciso di investire sulla Fondazione sostenendo l’attività di Palazzo Magnani e rilanciandola”, ha affermato il sindaco e assessore alla cultura Luca Vecchi. “Stiamo lavorando ad un cambiamento profondo del sistema culturale reggiano che sarà nei prossimi anni interamente affidato alla gestione di Palazzo Magnani e che si allargherà anche ad altri luoghi della città. È stato fatto un grosso investimento sulla cultura con attività in costante crescita e il primo importante cambiamento è il nuovo comitato scientifico”.

LE NOVITÀ PER PALAZZO MAGNANI

Una scelta politica non scontata che punta dunque allo svecchiamento e ad una caratterizzazione culturale della città come mai negli ultimi tempi è stato fatto. “Palazzo Magnani uscirà da una dimensione puramente espositiva per incidere sul territorio”, spiega il neo-direttore Davide Zanichelli, “e si caratterizzerà per un approccio interdisciplinare, per la pluralità dei luoghi che intende contaminare, come i Chiostri di San Pietro per i quali a breve partirà un grosso lavoro di ristrutturazione, Palazzo da Mosto e le piazze della stagione estiva.” L’intento è quello, oltre di favorire l’avvicinamento all’opera d’arte da parte dei cittadini, di suscitare riflessioni e domande a partire dalla fruizione stessa. Un’arte che diviene così via di accesso ad un approccio sociale e trasversale, un abbattimento di muri e modello di condivisione.

UN COMITATO SCIENTIFICO LEGATO ALLA CITTÀ

Non a caso i nuovi membri del comitato scientifico sono rappresentanti di discipline differenti e volutamente tutti legati alla città di Reggio Emilia o per nascita o per motivi professionali: Marzia Faietti, Coordinatrice della Divisione Educazione e Ricerca e Direttrice del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi di Firenze, Marco Belpoliti, scrittore e critico letterario, docente di Sociologia della Letteratura e Letteratura Italiana all’università di Bergamo, Vanni Codeluppi, sociologo e docente di Sociologia dei media presso IULM di Milano, Walter Guadagnini, direttore di Camera e docente di Storia della Fotografia all’Università di Bologna, Gerhard Wolf, Direttore e membro del comitato scientifico del Kunsthistorischen Institut in Florenz Max – Planck -Institut. Attendiamo quindi di vederli all’opera con il primo evento affidato a loro, l’organizzazione di Fotografia Europea 2018.

-Francesca Baboni

Dati correlati
Spazio espositivoPALAZZO MAGNANI
IndirizzoCorso Giuseppe Garibaldi 29 - Reggio Emilia - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Baboni
Francesca Baboni vive a Correggio (Re). Laureata in Lettere Classiche con indirizzo storico-artistico all'Università di Bologna, è critico d'arte, storico dell'arte e curatrice indipendente. Da diversi anni cura per spazi privati ed istituzionali mostre personali e collettive di artisti contemporanei, con un'attenzione particolare alla pittura e alla fotografia. Collabora con il Centro Studi Correggio Art Home dedicato al pittore Antonio Allegri detto Il Correggio per conferenze, ricerche e visite guidate, ed è membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Il Correggio, che ne gestisce l'attività.